COVID-19 può causare lesioni cardiache


COVID-19 può causare lesioni cardiache

Secondo gli esperti dell'University of Texas Health Science Center at Houston (UTHealth), COVID-19 può avere conseguenze fatali per le persone con patologie cardiovascolari sottostanti e causare lesioni cardiache anche in pazienti senza patologie cardiache sottostanti.

Secondo una recensione pubblicata su JAMA Cardiology, (1) gli esperti hanno appreso che le malattie virali, come COVID-19, possono causare infezioni respiratorie responsabili dei danni ai polmoni e persino, nei casi più gravi, della morte. Meno si sa degli effetti sul sistema cardiovascolare.

Il dottor Mohammad Madjid, MD, MS, (2) autore principale dello studio e assistente professore di cardiologia presso la McGovern Medical School presso UTHealth. dice: «è probabile che anche in assenza di precedenti malattie cardiache, il muscolo cardiaco possa essere affetto da coronavirus. Complessivamente, le lesioni al muscolo cardiaco possono verificarsi in qualsiasi paziente con o senza malattie cardiache, ma il rischio è maggiore in coloro che hanno già malattie cardiache.»

Gli autori dello studio hanno spiegato che la ricerca di precedenti epidemie di coronavirus e influenza suggerisce che le infezioni virali possono causare sindromi coronariche acute, aritmie e lo sviluppo o l'esacerbazione di insufficienza cardiaca.

In un bollettino clinico pubblicato dall'American College of Cardiology, (3) è stato rivelato che il tasso di mortalità COVID-19 per i pazienti con malattie cardiovascolari era del 10,5%. I dati indicano anche una maggiore probabilità che individui di età superiore ai 65 anni con malattia coronarica o ipertensione possano contrarre la malattia, così come sperimentare sintomi più gravi che richiederanno cure critiche.

Secondo gli autori dello studio, i casi critici sono quelli che hanno riportato insufficienza respiratoria, shock settico e/o disfunzione multipla d'organo o fallimento che ha provocato la morte. «È ragionevole aspettarsi che si verifichino significative complicanze cardiovascolari legate a COVID-19 in pazienti sintomatici gravi a causa dell'elevata risposta infiammatoria associata a questa malattia», ha detto Mohammad Madjid, che cura anche pazienti presso la clinica Multispecialty UT di Bayshore.

Il coronavirus SARS-CoV-2, che causa Covid-19, è stato identificato per la prima volta nel gennaio 2020. Questo nuovo virus è nato a Wuhan, in Cina, e l'11 marzo 2020 l'Organizzazione mondiale della sanità lo aveva dichiarato una pandemia globale. I tre sintomi più comuni di COVID-19 includono febbre, tosse e respiro corto. Altri sintomi meno comuni sono dolore muscolare, mal di gola, congestione nasale e mal di testa. I sintomi possono comparire non appena due giorni dopo l'esposizione al virus fino a 14 giorni dopo. Vi è un'alta carica virale in entrambi i pazienti sintomatici e asintomatici, il che significa che è probabile una diffusione asintomatica tra persona a persona.

I coronavirus precedentemente identificati noti per causare gravi malattie negli esseri umani includono la sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus (SARS-CoV) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV). SARS-CoV è stato identificato per la prima volta nella Cina meridionale nel 2002 e nel 2003 aveva ucciso oltre 8.000 persone in 29 paesi. I dati suggeriscono che la SARS-CoV potrebbe aver provocato complicanze cardiovascolari, come la sindrome coronarica acuta e l'infarto del miocardio. MERS-CoV è stato scoperto per la prima volta nel 2012 in Arabia Saudita. A partire dal 2019, 2.494 casi sono stati confermati insieme a 858 decessi in 26 paesi.

Sono in fase di ricerca le attuali opzioni di trattamento COVID-19 e sono in atto notevoli sforzi per sviluppare vaccini per la prevenzione e testare antivirali per il trattamento della malattia. Nel frattempo, gli autori dello studio incoraggiano tutte le persone a consultare i loro fornitori di assistenza sanitaria in merito alla vaccinazione contro l'influenza e che i pazienti a rischio chiedono consigli su come ricevere un vaccino contro la polmonite dal proprio medico di base. Sebbene questi vaccini non forniscano una protezione specifica contro COVID-19, possono aiutare a prevenire le infezioni sovrapposte insieme a COVID-19.

Co-autori dello studio includono Payam Safavi-Naeini, MD, del Texas Heart Institute; Scott Solomon, MD, della Harvard Medical School; e Orly Vardeny, PharmD, dell'Università del Minnesota.

Riferimenti:

(1) Potential Effects of Coronaviruses on the Cardiovascular System

(2) Mohammad Madjid

(3) COVID-19 Clinical Guidance For the Cardiovascular Care Team

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: COVID-19 linked to cardiac injury, worse outcomes for patients with underlying heart conditions

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.