Antartide danneggiata dagli umani


Antartide danneggiata dagli umani

L'Antartide è considerata una delle terre selvagge più grandi e incontaminate della Terra. Eppure dalla sua scoperta, che risale a 200 anni fa, il continente ha visto attività umane in accelerazione e potenzialmente di impatto.

La diffusione di questa attività in tutto il continente non è mai stata quantificata. Si sa che l'Antartide non ha città, agricoltura o industria. Ma non si sa dove siano stati gli umani, di quanta parte del continente rimanga incontaminata o in gran parte non influenzata e in che misura queste aree in gran parte non influenzate servano a proteggere la biodiversità.

Un team di ricercatori guidato dalla Monash University, tra cui il dottor Bernard Coetzee (1) del Global Change Institute dell'Università del Witwatersrand, Johannesburg (Wits University), ha fatto importanti scoperte. Utilizzando un set di dati di 2,7 milioni di record di attività umane, il team ha mostrato quanto sia stato ampio l'uso umano dell'Antartide negli ultimi 200 anni. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature. (2)

Ad eccezione di alcune grandi aree principalmente nelle parti centrali del continente, gli umani hanno messo piede quasi ovunque. Sebbene molte di queste aree visitate siano state colpite solo in modo trascurabile dalle persone, la biodiversità non è così rappresentata al loro interno come dovrebbe essere.

Il dottor Bernard Coetzee, scienziato per la conservazione presso la Wits University con sede a Skukuza nel Kruger National Park in Sudafrica, spiega: «Abbiamo mappato 2,7 milioni di record di attività umane dal 1819 al 2018 in tutto il continente antartico per valutare l'estensione delle aree selvagge rimaste e la sua sovrapposizione con la biodiversità del continente. In una regione spesso considerata remota, abbiamo dimostrato che in effetti l'attività umana è stata estesa, specialmente nelle zone costiere e senza ghiaccio in cui si trova la maggior parte della sua biodiversità. Ciò significa che le aree “selvagge” non catturano molte degli importanti siti di biodiversità del continente, ma esiste un'opportunità per conservare gli ultimi incontaminati.» Il dottor Coetzee ha contribuito a concettualizzare lo studio e ha raccolto un database spaziale da più fonti per mappare l'estensione dell'attività umana in Antartide.

Dallo studio è emerso che solo il 16% delle aree importanti per gli uccelli del continente, aree identificate a livello internazionale come critiche per la conservazione degli uccelli, si trovano all'interno di aree a impatto trascurabile e che poco della superficie totale a impatto trascurabile è rappresentata nella rete delle aree specialmente protette dell'Antartide.

Le aree ad alto impatto umano, ad esempio alcune aree in cui le persone costruiscono stazioni di ricerca o visitano per turismo, spesso si sovrappongono ad aree importanti per la biodiversità.

L'autrice principale, la dottoressa Rachel Leihy, (3) dottoranda presso la Monash School of Biological Sciences, sottolinea: «Sebbene inizialmente la situazione non appaia promettente, i risultati mostrano che esistono molte opportunità per agire tempestivamente per dichiarare nuove aree protette per la conservazione della natura selvaggia e della biodiversità.»

«Gli approcci informatici che utilizzano grandi set di dati stanno fornendo nuove intuizioni quantitative su domande che si sono dimostrate spinose da tempo per i responsabili delle politiche ambientali. Questo lavoro offre modi innovativi per aiutare le parti del Trattato Antartico ad adottare misure per garantire la natura selvaggia dell'Antartide», afferma Steven Chown, l'autore corrispondente con sede presso la Monash University.

Il team transdisciplinare che consegna questo lavoro comprende ricercatori provenienti da Australia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Sudafrica.

Riferimenti:

(1) Bernard Coetzee

(2) Antarctica’s wilderness fails to capture continent’s biodiversity

(3) Rachel Leihy

Descrizione foto: Una festa in tournée visita l'Antartide durante un tour alla Brown Station. La stazione di Brown è gestita dall'Argentina e si trova nella penisola antartica, una regione che ha visto un grande aumento del turismo commerciale negli ultimi anni. - Credit: Steven Chown.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Antarctica more widely impacted by humans than previously thought

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.