1,5 miliardi di persone dipenderanno dall'acqua delle montagne


1,5 miliardi di persone dipenderanno dall'acqua delle montagne

Uno studio ha quantificato e confrontato l'approvvigionamento e il consumo di acqua nelle aree pianeggianti del mondo con i contributi delle risorse idriche di montagna.

Il consumo globale di acqua è aumentato di quasi quattro volte negli ultimi 100 anni e molte regioni possono soddisfare la loro domanda d'acqua solo grazie ai contributi essenziali delle regioni montane. Tra 30 anni, quasi un quarto della popolazione mondiale delle pianure dipenderà fortemente dal deflusso dalle montagne. Solo lo sviluppo sostenibile può garantire l'importante funzione delle aree montane come “torri d'acqua” terrestri.

L'acqua è una risorsa peculiare per il 21° secolo e molte regioni della pianura in tutto il mondo dipendono dalle risorse idriche originarie delle regioni montane, non da ultimo quando si tratta di irrigare terreni agricoli.

Uno studio, che è stato pubblicato su Nature Sustainability, (1) condotto dall'Università di Zurigo ha ora quantificato questa dipendenza per la prima volta confrontando l'approvvigionamento e il consumo di acqua nelle aree pianeggianti del mondo con i contributi di deflusso dalle montagne. Basato su un modello globale ad alta risoluzione, lo studio fornisce informazioni dettagliate sulla dipendenza dalle risorse idriche di montagna in tutto il mondo. Le analisi complete sono state condotte utilizzando una griglia regolare e quindi confrontate per ogni bacino idrografico di almeno 10.000 km². Ciò ha consentito approfondimenti altamente differenziati nelle caratteristiche e nelle differenze regionali.

Crescente dipendenza nonostante il calo del consumo pro capite

«Fino ad ora, la ricerca si è concentrata principalmente sui bacini fluviali che hanno origine nelle maestose catene montuose dell'Asia», afferma il dottor Daniel Viviroli (2) del Dipartimento di Geografia dell'Università di Zurigo, primo autore dello studio. «Ma in molte altre regioni, l'agricoltura irrigua dipende fortemente dall'acqua proveniente dalle aree montuose, come in Medio Oriente e Nord Africa, nonché da parti del Nord America, del Sud America e dell'Australia.»

Questa dipendenza è fortemente aumentata dagli anni '60, nonostante un uso più efficiente dell'acqua e quindi un calo del consumo di acqua pro capite. Mentre a quel tempo solo il 7 percento della popolazione di pianura era fortemente dipendente dai contributi delle aree montane, si prevede che questa cifra salirà al 24 percento entro la metà del 21° secolo. Ciò corrisponde a circa 1,5 miliardi di persone nelle zone di pianura. Particolare attenzione è rivolta ai bacini idrografici come quelli dei fiumi Gange-Brahmaputra-Meghna, Yangtze e Indus in Asia, il Nilo e il Niger in Africa, l'Eufrate e il Tigri in Medio Oriente e il fiume Colorado in Nord America. Per le loro analisi, i ricercatori hanno ipotizzato uno scenario intermedio in termini di crescita della popolazione e sviluppo tecnologico, economico e sociale.

Ecosistemi funzionanti e protezione del clima

«Garantire la funzione delle montagne come “torri d'acqua” dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni delle popolazioni di pianura del mondo», afferma Daniel Viviroli. Lo sviluppo sostenibile delle regioni montane è quindi essenziale, ad esempio prevenendo l'abuso agricolo e garantendo il funzionamento degli ecosistemi, affermano i ricercatori. Inoltre, l'azione per il clima è di fondamentale importanza: a causa dell'aumento delle temperature, i picchi di acqua di fusione provenienti da regioni montuose innevate a volte si verificano già diverse settimane prima e quindi non sono così utili per l'agricoltura estiva. Saranno necessari adeguamenti nella gestione delle risorse idriche, e possibilmente anche nuove infrastrutture come dighe e trasferimenti di acqua.

«Tuttavia, le soluzioni tecniche vanno di pari passo con un grave danno ecologico e alcuni fiumi, come gli Indo, hanno scarse possibilità di espansione», afferma Viviroli. Per il futuro, sarà fondamentale che le regioni di pianura e di montagna lavorino a stretto contatto, nonostante le differenze politiche, culturali, sociali ed economiche.

Riferimenti:

(1) Increasing dependence of lowland populations on mountain water resources

(2) Daniel Viviroli

Descrizione foto: Il fiume Rosegbach nell'Alta Engadina, in Svizzera, fa parte del bacino del Danubio, dove circa un terzo dei 46 milioni di persone che vivono a valle dipendono fortemente dalle risorse idriche delle aree montane. - Credit: Daniel Viviroli.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: 1.5 Billion People Will Depend on Water from Mountains

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.