Fantapolitica

Tenetevi forte! In Italia stanno preparando i dati taroccati sul Pil di Fine 2013

Letta e la barca che affondaSiamo in dolce attesa dei dati taroccati sul PIL Italiano di fine 2013.

Siccome il nostro “credibilissimo” governo ha promesso la ripresa di fine anno, ripresa deve essere anche se alcuni indicatori ci dicono che è impossibile.

Ma si sa i numeri sono opinioni ed esattamente come l’Istat ha palesemente taroccato i dati sulla produzione industriale negli ultimi 6 mesi (link) non stupirà nessuno se tra poche settimane usciranno numeri “ottimisti” anche per quello che riguarda il PIL Italiano.

A parte il fatto che i dati su Import e Export sono entrambi in ribasso (link)

Ma sopratutto a parte il fatto che gli ultimi 3 mesi dell’anno si sono caratterizzati per consumi di elettricità, gas e petrolio in continuo ribasso:

Parenti e amici pure nel movimento 5 stelle

Crimi e LombardiLa senatrice Lezzi (M5S) ha assunto - con i soldi pubblici - la figlia del suo compagno. Ma si difende: “Molti dei nostri hanno fatto così”.

“Lo fanno in molti”. È questa la giustificazione che la senatrice Barbara Lezzi, 40enne leccese del MoVimento 5 Stelle ha dato di fronte al nuovo scandalo sollevato dall’Espresso. La senatrice ha infatti assunto come portaborse la figlia del proprio compagno. Lo fanno in molti, è vero.

Peccato che proprio il MoVimento 5 Stelle, per bocca dell’ex capogruppo Roberta Lombardi, nel marzo 2013 aveva lanciato un vero e proprio bando per raccogliere cv degli aspiranti collaboratori, “Mandate i curricula, cerchiamo persone pulite trasparenti e oneste. Sceglieremo i migliori tra quelli che riceveremo, perché vogliamo svolgere un lavoro eccellente”. “Non solo io, molti di noi”. I 5 stelle si difendono: “Servono persone di fiducia per svolgere certi incarichi”. Indubbiamente.

Ma allora che senso ha avuto chiedere il curriculum a 20mila persone, che speravano di essere assunte per i propri meriti e non per le proprie conoscenze? Propaganda, forse. Ed oggi dopo otto mesi di quella meritocrazia tanto sbandierata non resta più nulla. Anche perché, a sentire le parole della Lezzi, lo avrebbero fatto anche altri suoi compagni di partito: “Molti di noi hanno scelto degli amici o degli attivisti, quindi con legami pregressi”.

Quel documento dimenticato. Nulla di nuovo, quindi, sotto questo sole.

La Fed propone all'Europa un prelivo forzoso del 10% sui conti correnti

Prelievo forzosoUn piano drastico per uscire dal tunnel in un colpo solo. Rischi incalcolabili.

L’idea è sorprendente, ma ciononostante è passata pressoché inosservata, celata tra le righe di un lungo rapporto di economia. Per porre rimedio all’esperimento fallimentare della moneta unica, il Fondo Monetario Internazionale ha aperto alla possibilità che le autorità europee impongano un prelievo forzoso del 10% sui conti correnti di 15 paesi dell’area euro.

Tanto ci vorrebbe, secondo i calcoli degli economisti, per riportare il debito sovrano del blocco ai livelli pre crisi.

L’idea “brillante” viene enunciata in uno dei capitoli del report semestrale “Monitor delle finanze pubbliche” preparato dagli economisti del Fondo. Quello proposto e riportato dai quotidiani, tra cui un giornale greco, sarebbe un provvedimento suicida, in quanto scatenerebbe una fuga di capitali dalle banche europee.

Quanto espresso dall’istituto di Washington è certamente stato preso in considerazione anche dalle autorità politiche. Il concetto è semplice: piuttosto che appesantire il carico fiscale delle imprese e far scendere ancora di più le buste paga, perché non andare a toccare i capitali “dormienti”?

Pagine