Stelle marine in pericolo di estinzione


Stelle marine in pericolo di estinzione

L'iconica stella marina sunflower è stata classificata come in pericolo di estinzione dall'Unione internazionale per la conservazione della natura a seguito di uno studio rivoluzionario sulla popolazione condotto dall'Oregon State University e da The Nature Conservancy.

La dottoressa Sarah Gravem (1) dell'Oregon State University (OSU), ricercatrice associata al College of Science e autrice principale dello studio, dice: «In passato, queste stelle marine erano facili da trovare ed entusiasmavano, per la loro particolare bellezza, gli studenti e i subacquei. Certi esemplari avevano delle dimensioni uguali a un coperchio di un bidone della spazzatura ed erano dotate di 24 tentacoli coperti da ventose. Sfortunatamente, le possibilità di trovare un esemplare ora sono pressoché nulle nella maggior parte delle aree marine degli Stati Uniti - questa asserzione è un gradino sopra l'estinzione - e non credo che tornino senza dei validi sostegni come l'allevamento in cattività e l'introduzione di poliche per la loro salvaguardia».

Più di 60 istituzioni si sono unite alla Oregon State University e alla The Nature Conservancy nello studio sulla popolazione della stella marina sunflower, conosciuta scientificamente come Pycnopodia helianthoides, (2) che svolge un ruolo importante nel mantenimento delle foreste di alghe, e quindi nel sostenere la vita marina, lungo la costa occidentale dall'Alaska fino alla Baja, California.

Le popolazioni della stella marina sunflower hanno subito gravi morie a causa di un evento epidemico della fauna marina, denominato sindrome da deperimento delle stelle marine, iniziato nel 2013.

Gli scienziati hanno utilizzato più di 61.000 indagini sulla popolazione da 31 set di dati per calcolare un calo del 90,6% delle stelle marine sunflower e hanno stimato che ben 5,75 miliardi di animali sono morti a causa della malattia, la cui causa non è stata determinata.

Inoltre, la ricerca non ha prodotto indicazioni di ripresa della popolazione in nessuna regione nei cinque-sette anni dallo scoppio dell'epidemia.

Secondo gli scienziati, le stelle marine di girasole sono ormai quasi assenti in Messico e negli Stati Uniti contigui. Nessuna stella è stata vista in Messico dal 2016, nessuna in California dal 2018 e solo una manciata in Oregon e Washington dal 2018.

Le stelle marine sunflower sono un predatore chiave dei ricci di mare. Il declino di queste stelle marine ha contribuito ad alimentare un'esplosione nella popolazione di ricci in molte aree marine. Una sovrabbondanza di ricci è collegata a un declino delle foreste di alghe che già devono affrontare la pressione causata dagli eventi di ondate di calore marino, rendendo il futuro incerto per gli ecosistemi che forniscono l'habitat a migliaia di animali marini e aiutano a sostenere le economie costiere.

La dottoressa Sara Hamilton, Ph.D., (3) candidata all'OSU College of Science, asserisce che «Poiché la maggior parte delle persone non è in mare ogni giorno, non ci si rende conto di quanto sia cambiato e influenzato dagli esseri umani. Dobbiamo pensare in modo creativo a come mantenere in salute il nostro oceano. Mentre ridurre le emissioni di carbonio è la necessità più urgente, anche la ricostruzione delle popolazioni di predatori chiave, come la stella marina sunflower, può essere un pezzo importante del puzzle».

La Lista Rossa IUCN delle specie minacciate è una risorsa importante per guidare le azioni di conservazione e le decisioni politiche, valutando il rischio di estinzione di una specie nel caso in cui non venga intrapresa alcuna azione di conservazione. Le specie sono assegnate a una delle otto categorie di minaccia in base a criteri legati all'andamento della popolazione, alla dimensione, alla struttura della popolazione e alla fascia geografica.

Riferimenti:

(1) Sarah Gravem

(2) Pycnopodia helianthoides

(3) Sara Hamilton

Descrizione foto: Stella marina sunflower. - Credit: Janna Nichols.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Sea star listed as critically endangered following research by Oregon State University

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.