Proteggere le foreste del mondo da parassiti e malattie


Proteggere le foreste del mondo da parassiti e malattie

Gli esperti scienziati di CABI nel campo della gestione degli ecosistemi e dell'ecologia delle invasioni hanno presentato nuove linee guida su come proteggere gli alberi e le foreste del mondo da parassiti e malattie dannosi come la falena del bosso e il dieback della cenere.

Il dottor René Eschen (1) ha guidato un team internazionale di ricercatori che ha suggerito di prendere in considerazione una serie di importanti fattori nel monitoraggio di parassiti non autoctoni che possono rappresentare una grave minaccia per le risorse forestali e avere significativi impatti economici, di biodiversità e di sostentamento negativi.

Il team, che comprende scienziati dell'Istituto sloveno per la ricerca forestale, l'Agri-Food and Biosciences Institute, nel Regno Unito, l'Università di Belgrado, in Serbia e l'Istituto croato di ricerca forestale, affermano che sono necessarie ulteriori informazioni sugli organismi associati alle piante legnose importate per supportare le autorità saranno meglio preparate per l'arrivo e la diffusione di nuovi parassiti.

Gli studiosi sottolineano che l'aumento del commercio intercontinentale coincide con un aumento del numero di organismi nocivi potenzialmente pericolosi in tutte le parti del mondo e che è necessaria una maggiore biosicurezza delle frontiere per ridurre al minimo il rischio di introduzione di organismi nocivi aggiuntivi.

Il dottor René Eschen e la dottoressa Iva Franic, nella nuova ricerca pubblicata sul Journal of Biogeography, (2) hanno condotto una revisione della letteratura e analizzato casi studio in Serbia, Croazia e Svizzera. Esse hanno deciso di determinare i modelli inter e intra annuali e spaziali nella diversità degli insetti, i modelli spaziali nella diversità dei funghi trasmessi dai semi, nonché i modelli spaziali e temporali attraverso e all'interno delle regioni, delle località e degli anni.

René Eschen ha dichiarato: “L'individuazione e l'identificazione di potenziali parassiti delle piante legnose prima della loro introduzione è un componente importante del successo della biosicurezza, poiché consente di eseguire l'analisi del rischio fitosanitario e di sviluppare e attuare misure fitosanitarie. Tuttavia, non è chiaro dove possano essere meglio localizzate le piante monitorate, quanti campioni siano necessari e quando e con quale frequenza il campionamento dovrebbe essere effettuato in modo ottimale per la valutazione adeguata della biodiversità associata alle specie di piante bersaglio. Il nostro studio illustra i fattori che dovrebbero essere considerati al momento di decidere la posizione e i tempi del campionamento. Ciò è importante a causa del compromesso tra il numero di campioni e le posizioni di campionamento necessarie per rilevare molte delle specie che potrebbero essere potenziali parassiti, e il costo del campionamento (ripetuto) in molte località.”

Il dottor René Eschen afferma che la valutazione della biodiversità associata a una singola specie di albero richiede un'attenta pianificazione e risorse significative. La revisione e i casi studio indicano che il disegno di campionamento (dove, quando, quanto spesso e quanto campionare) può differire a seconda dei taxa target (e.g. Funghi vs. insetti), parte campionata dell'albero (e.g. Parti perenni vs. parti annuali) o metodo di identificazione (e.g. isolamento o allevamento vs. sequenziamento ad alto rendimento).

“Al fine di decidere il campionamento adeguato per insetti e funghi nelle stesse posizioni è necessario comprendere l'ecologia degli alberi campionati e dei parassiti mirati, nonché lo scopo del campionamento. Ma, per risparmiare sui costi di viaggio, sarebbe utile, quando possibile, combinare insetti e funghi di campionamento in una o due occasioni all'anno”, ha aggiunto René Eschen.

Nell'ambito di uno “schema di supporto alle decisioni” sviluppato dagli scienziati, si evidenziano una serie di raccomandazioni, tra cui il primo passo per la progettazione di uno studio di campionamento, decidendo sulle specie di alberi bersaglio e lo scopo del campionamento e dei taxa di interesse.

I ricercatori affermano che, seguendo le loro raccomandazioni, è possibile effettuare un'analisi più accurata del rischio fitosanitario che consentirà di classificare e dare priorità ai rischi provenienti da diverse specie di piante e da altre fonti - come fonti di parassiti e patogeni invasivi - nell'ambito del processo di ispezione.

Riferimenti:

(1) René Eschen

(2) Spotting the pests of tomorrow—Sampling designs for detection of species associations with woody plants

Descrizione foto: una nuova ricerca suggerisce come proteggere alberi e foreste da parassiti e malattie. - Credit: Rene Eschen.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: CABI offers global guidance to help protect the world’s trees and forests from harmful pests and diseases

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.