La perdita di foreste naturali in Estonia


La perdita di foreste naturali in Estonia

Un documento pubblicato su Nature in luglio ha rilevato che l'Estonia ha uno dei più alti tassi di perdita di foreste in Europa, dopo il brusco aumento registratosi tra il 2016 e il 2018 con un aumento del prelievo dell'85% rispetto a quello del decennio precedente.

L'aumento è stato in gran parte causato dalla domanda di pellet di legno a scopo energetico, come rivelano gli autori dello studio. (1)

In tutto il mondo l'area coperta dalle foreste è diminuita di quasi 180 milioni di ettari dal 1990, e le piantagioni di alberi sono aumentate di oltre 120 milioni di acri. Le foreste vengono convertite in campi di alberi industriali e la piccola Estonia è diventata un caso di studio puntuale in questa trasformazione globale. La perdita di foreste naturali incide profondamente nella storia e nella religione estone.

L'associazione culturale estone House of Groves elenca 80 siti sacri che sono stati cancellati dai taglialegna industriali, un elenco che sottolineano non è esaustivo. Hanno mappato 1.200 siti aggiuntivi, molti dei quali non hanno alcuna protezione formale, mettendoli a rischio di essere abbattuti. (2)

La maggior parte dei siti si trova in foreste secolari, che costituiscono circa il 2% della restante copertura forestale dell'Estonia. Solo la metà di queste sono godono di qualche forma di protezione; un quarto è sotto protezione limitata e un altro quarto non è affatto protetto.

Le foreste sono profondamente racchiuse nella cultura estone. Ma nei decenni successivi all'indipendenza, gli investimenti scandinavi e il supporto logistico si sono riversati sulle foreste del paese, e gli estoni che guidavano nelle strade del paese hanno iniziato a vedere macchine gigantesche che falciavano alberi come margherite. Al loro posto sono arrivate file equidistanti di abeti e abeti rossi piantati per il mercato globale.

All'inizio degli anni 2000, l'avvocato estone Raul Kirjanen ha intuito l'opportunità dell’espansione dell'energia verde. La vicina Svezia ha fondato una impresa chiamata Graanul per riconvertire la centra e s carbone di Kirjanen all’uso delle biomasse.

Durante i primi decenni del nuovo millennio, le imprese forestali scandinave hanno ripulito migliaia di ettari di questa foresta e hanno ripiantato conifere. Dal 2009, quando l'Unione Europea ha decretato che l'energia da biomassa era a emissioni zero - il che significa che presumibilmente non rilasci nuovo carbonio nell'atmosfera - Graanul ha beneficiato del boom del mercato delle biomasse, divenendo il secondo produttore di pellet al mondo, dietro la Enviva del Maryland. Poiché la perdita di foreste in Estonia è diventata sempre più visibile, il dibattito sul prelievo di biomassa, che si è aggiunto alla produzione di carta e di legname, è diventato centrale nel conflitto per la protezione delle foreste del paese.

Riferimenti:

(1) Abrupt increase in harvested forest area over Europe after 2015

(2) RUUSTATUD PUHAPAIGAD

Fonte: salvaleforeste.it

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.