Per i microbi resistenti Harvard punta sui vaccini

Harvard ha recentemente valutato il ruolo che i vaccini possono svolgere nel contrastare l'ondata di AMR (antimicrobial resistance)

I vaccini possono aiutare a combattere l'aumento dei microbi resistenti ai farmaci?

Alcuni dei più importanti farmaci, che i medici hanno a loro disposizione, sono diventati inefficaci per i pazienti a causa della resistenza acquisita da virus, batteri e parassiti, e il problema è destinato a peggiorare.

Ceppi resistenti ai farmaci di gonorrea, salmonella, Escherichia coli (E. coli) e molti altri agenti, che causano malattie, stanno prosperando in tutto il mondo e le conseguenze sono disastrose: secondo una statistica del 2016 sulla resistenza antimicrobica, commissionata dall'ex primo ministro britannico David Cameron, almeno 700.000 persone muoiono ogni anno, a livello globale, a causa della resistenza antimicrobica (AMR).

È una situazione pericolosa, ma diversi nuovi studi, efettuati dai ricercatori di Harvard T.H. Chan School of Public Health, indicano che i vaccini potrebbero rappresentare uno strumento importante nella lotta contro la resistenza antimicrobica.

Gli atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS) hanno recentemente dedicato una sezione speciale per esaminare il ruolo che i vaccini possono svolgere nel contrastare l'ondata di AMR (antimicrobial resistance).

In termini generali, le vaccinazioni possono aiutare a ridurre il carico di AMR in due modi:

  • in primo luogo, possono proteggere contro la trasmissione diretta di infezioni resistenti ai farmaci;
  • In secondo luogo, possono ridurre le probabilità che qualcuno si ammali, il che a sua volta riduce la probabilità che vengano prescritti antibiotici o altri farmaci.

Meno farmaci assumono i pazienti, meno è probabile che i microbi sviluppino resistenza ai farmaci.

"Nonostante la crescente attenzione prestata negli ultimi anni alle vaccinazioni come risposta all'AMR , in molti casi la soluzione vaccinale rimane sottostimata", ha dichiarato il dottor David E. Bloom, (1) Clarence James Gamble, professore di economia e demografia, che è coautore di un articolo di sintesi (2) per la funzionalità PNAS. "La vaccinazione conferisce potenzialmente un notevole valore per quanto riguarda la sua capacità di rallentare lo sviluppo della resistenza antimicrobica e mitigare i suoi effetti peggiori".

Secondo il dottor David E. Bloom, l'AMR non è un nuovo problema. I batteri hanno sviluppato una resistenza agli antibiotici poiché le prime dosi di penicillina sono state somministrate negli anni '40. Tuttavia, negli ultimi decenni il peso dell'AMR è notevolmente salito e ci sono prove emergenti che alcuni insetti resistenti ai farmaci sono più aggressivi o trasmissibili rispetto alle loro controparti sensibili alla droga.

Tra le molte sfide bisogna considerare il fatto che qualsiasi uso di antimicrobici, compresi gli antibiotici comuni, guida l'evoluzione della resistenza, anche se i farmaci vengono utilizzati in modo appropriato, ha detto David E. Bloom. Gli sforzi per frenare l'AMR si sono concentrati principalmente sullo sviluppo di nuovi antibiotici e altri farmaci.

Questo è certamente parte della soluzione, ha detto il ricercatore, ma lo sviluppo di nuovi farmaci è un processo lento e costoso ed è solo una questione di tempo prima che i parassiti o i batteri inizino a sviluppare resistenza ai nuovi farmaci.

Riferimenti:

(1) David E. Bloom

(2) Antimicrobial resistance and the role of vaccines

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Can vaccines help fight the rise of drug-resistant microbes?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.