Orti scolastici collegati con i bambini


Orti scolastici collegati con i bambini

È stato scoperto che i bambini che imparano a fare gli orti e a cucinare nel programma TX Sprouts dell'Università del Texas consumano più verdure.

Portare i bambini a mangiare le loro verdure può sembrare un compito insormontabile, ma i ricercatori di nutrizione dell'Università del Texas ad Austin hanno trovato un modo: gli orti scolastici e le lezioni sull'utilizzo di ciò che è cresciuto in loro.

I ricercatori hanno lavorato con 16 scuole elementari in tutto il Texas centrale per installare orti e tenere lezioni a studenti e genitori su nutrizione e cucina. In uno studio recentemente pubblicato sull'International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity, (1) il team descrive come target le scuole con un'alta percentuale di studenti nel programma del pranzo gratuito e a prezzo ridotto per capire come i programmi nutrizionali influenzano i gruppi a basso reddito. Ogni scuola è stata studiata per un anno accademico.

Dallo studio è emerso che gli studenti che hanno partecipato ai corsi di giardinaggio, nutrizione e cucina mangiavano, in media, la metà servendo più verdure al giorno rispetto a prima del programma.

«Molte delle famiglie in queste scuole vivono con l'insicurezza alimentare. Vivono nei 'deserti alimentari' e affrontano un rischio maggiore di obesità infantile e problemi di salute correlati», ha affermato Jaimie N Davis, (2) professoressa associata di scienze nutrizionali presso l'UT Austin e autore principale della ricerca. «Insegnare ai bambini da dove proviene il loro cibo, come coltivarlo, come prepararlo: questa è la chiave per cambiare i comportamenti alimentari a lungo termine».

Oltre a monitorare ciò che i bambini hanno mangiato, lo studio ha esaminato il peso, l'indice di massa corporea e la pressione sanguigna. Durante i nove mesi dello studio, non ci sono stati cambiamenti statisticamente significativi in quelle misure di salute. Lo studio ha coinvolto più di 3.000 studenti dalla terza alla quinta elementare.

Sebbene l'aumento di mezza porzione del consumo di verdura al giorno possa sembrare un piccolo cambiamento, è estremamente incoraggiante per Davis e i suoi colleghi.

«I cambiamenti di comportamento possono essere difficili da ottenere, soprattutto a lungo termine», ha detto la dottoressa Jaimie N Davis. «Le modifiche ai parametri di salute come la pressione sanguigna possono richiedere più tempo per manifestarsi. Portare i bambini a mangiare più verdure può potenzialmente prepararli per il successo a lungo termine».

Studi precedenti hanno dimostrato che un maggiore consumo di frutta e verdura può promuovere la salute e ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro. Più frutta e verdura possono svolgere un ruolo nella riduzione dell'obesità negli adulti, ma gli effetti non sono stati ben studiati nei bambini.

«Siamo stati in grado di presentare ai bambini un'ampia varietà di verdure verso le quali non avevano molta attrazione», ha detto la dottoressa Jaimie N Davis. «I genitori con cui parlo mi chiedono: 'Come hai fatto a convincere mio figlio a mangiare il cavolo nero?' Ma quando coltivano il cavolo dal seme e imparano a prepararlo in olio d'oliva e lo cuociono in scaglie di cavolo, lo adorano».

Adriana Peacuterez, Brian Fischer, Deanna M. Hoelscher e Alexandra E. van den Berg del Michael & Susan Dell Center for Healthy Living presso l'UT Health Science Center di Houston; Fiona M. Asigbee, Matthew J. Landry, Sarvenaz Vandyousefi, Reem Ghaddar, Amy Hoover, Matthew Jeans e Katie Nikah dell'Università del Texas ad Austin; Stephen J. Pont del Dipartimento di Pediatria della Dell Medical School dell'Università del Texas ad Austin; e anche Daphne Richards del Texas A&M AgriLife Extension Service, contea di Travis, hanno contribuito alla ricerca.

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health. Whole Kids Foundation, Home Depot e Sprouts Healthy Communities Foundation hanno finanziato la costruzione e il miglioramento del giardino.

Riferimenti:

(1) School-based gardening, cooking and nutrition intervention increased vegetable intake but did not reduce BMI: Texas sprouts - a cluster randomized controlled trial

(2) Jaimie N Davis

Descrizione foto: È stato scoperto che i bambini che imparano a fare il giardinaggio e a cucinare nel programma TX Sprouts guidato dai ricercatori dell'Università del Texas ad Austin consumano più verdure. - Credit: The University of Texas at Austin.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: School Gardens Linked With Kids Eating More Vegetables

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.