Booking.com

Le emissioni di cloroformio in Asia sfavoriscono il recupero dell'ozono

Una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono è il cloroformio, un composto utilizzato nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti

All'inizio di quest'anno, le Nazioni Unite hanno annunciato che lo strato di ozono, che protegge la Terra dalle dannose radiazioni ultraviolette del sole e che è stato gravemente impoverito da decenni di sostanze chimiche prodotte dalle attività umane, è sulla strada della ripresa.

La drammatica inversione di tendenza è un risultato diretto dei regolamenti stabiliti dal Protocollo di Montreal del 1987, un trattato globale in base al quale quasi tutti i paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti, hanno agito con successo per vietare la produzione di clorofluorocarburi (CFC), i principali agenti dell'ozono esaurimento. Come risultato di questo sforzo internazionale, le Nazioni Unite prevedevano che lo strato di ozono poteva ristabilirsi completamente entro la metà del secolo.

Ma un nuovo studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), pubblicato oggi sulla rivista Nature Geoscience,(1) identifica una nuova minaccia per il recupero dello strato di ozono: il cloroformio, un composto incolore e dall'odore tenue che viene utilizzato principalmente nella produzione di prodotti come Teflon e vari refrigeranti.

I ricercatori, tra cui scienziati dell'Università di Bristol, hanno scoperto che tra il 2010 e il 2015 le emissioni e le concentrazioni di cloroformio nell'atmosfera sono aumentate in modo significativo. Essi hanno individuato la fonte di queste emissioni nell'Asia orientale, dove sembra che la produzione di prodotti derivati dal cloroformio sia in aumento. Se le emissioni di cloroformio continuano ad aumentare, i ricercatori prevedono che il recupero dello strato di ozono potrebbe essere ritardato di 4-8 anni.

Il coautore Ronald G. Prinn ,(2) professore di Scienze Atmosferiche presso il MIT della TEPCO, ha dichiarato: “Il recupero dell'ozono non è così veloce come si sperava, e dimostriamo che il cloroformio rallenterà ulteriormente.”

Il cloroformio è una classe di composti chiamati “sostanze a vita molto breve” (“very short-lived substances” VSLS), per la loro relativamente breve permanenza nell'atmosfera (circa cinque mesi per il cloroformio).

La coautrice, la dottoressa Anita Ganesan(3) della School of Geographical Sciences dell'Università di Bristol,(4) ha aggiunto: “Le sostanze clorurate, che hanno una vita molto breve, non erano state precedentemente prese in considerazione per la regolamentazione perché dovevano essere distrutte prima di raggiungere lo strato di ozono. Va sottovalutato che le emissioni provenienti da alcune parti del mondo, come l'Asia orientale, possono essere elevate allo strato di ozono molto rapidamente attraverso i sistemi dei monsoni, ignorando la normale distruzione che si verifica nella bassa atmosfera in altre parti del mondo. Quindi, la regolamentazione la si potrebbe considerare in futuro per queste sostanze perché hanno un impatto significativo sul recupero dello strato di ozono.”

Il professor Ronald G. Prinn, con i suoi colleghi, monitorano tali composti, insieme ad altri gas traccia, con il sistema AGAGE, (Advanced Global Atmospheric Gases Experiment) - una rete mondiale di stazioni costiere e di montagna che ha misurato costantemente la composizione dell'atmosfera globale dal 1978.

Quando il dottor Xuekun Fang,(5), membro del gruppo del Professor Prinn al MIT e autore principale dell'articolo, ha iniziato a esaminare i dati AGAGE, ha notato una tendenza crescente nelle concentrazioni di cloroformio in tutto il mondo tra il 2010 e il 2015.

Utilizzando un modello atmosferico, i ricercatori della Bristol University hanno quantificato le emissioni globali, dimostrando che una rapida crescita si è verificata dopo il 2010. Il dottor Xuekun Fang ha osservato che la maggior parte delle stazioni della rete AGAGE non misurava incrementi sostanziali dell'ampiezza dei picchi di concentrazione nel cloroformio, indicando aumenti di emissione trascurabili nelle loro rispettive regioni, tra cui Europa, Australia e Stati Uniti occidentali. Tuttavia, due stazioni in Asia orientale - una a Hateruma, in Giappone, e l'altra a Gosan, in Corea del Sud - hanno mostrato aumenti drammatici nella frequenza e nell'ampiezza dei picchi nel gas che impoverisce l'ozono.

Per approfondire, il team ha utilizzato due diversi modelli tridimensionali che simulano il movimento di gas e delle sostanze chimiche nell'atmosfera. I ricercatori di Bristol hanno stimato il contributo della Cina alle emissioni globali utilizzando un modello sviluppato dal Met Office britannico, che traccia le origini dell'aria prima di essere misurato nelle stazioni. Il team ha fornito i dati AGAGE dal 2010 al 2015 nei due modelli e ha scoperto che entrambi concordavano sulla fonte del cloroformio: l'Asia orientale.

Il dottor Xuekun Fang ha aggiunto: “Concludiamo che la Cina orientale può spiegare quasi tutto l'aumento globale. Abbiamo anche scoperto che le principali fabbriche di produzione di cloroformio e le aree industrializzate in Cina sono correlate spazialmente con gli hotspot delle emissioni. Alcuni rapporti industriali mostrano che l'uso di cloroformio è aumentato anche se non siamo completamente chiari sulla relazione tra produzione, uso del cloroformio e l'aumento delle emissioni di cloroformio.”

Il fatto che l'aumento del cloroformio provenga dall'Asia orientale, dove i forti sistemi monsonici trasportano sostanze clorurate a vita molto breve direttamente sullo strato di ozono, aggrava vieppiù la situazione. Il dottor Xuekun Fang e il professor Ronald G. Prinn affermano che lo studio è un “testa a testa” per scienziati e studiosi sul fatto che il viaggio verso la riparazione dello strato di ozono non è ancora finito.

Questa ricerca è stata sostenuta dalla NASA, dall'Istituto Nazionale di Studi Ambientali in Giappone, dalla Fondazione Nazionale di Ricerca della Corea, dal Dipartimento per le Imprese, Energia e Strategia Industriale e dal Consiglio per la Ricerca sull'ambiente naturale nel Regno Unito, dall'Organizzazione per la ricerca scientifica e industriale del Commonwealth Australia e altre organizzazioni.

Riferimenti:

(1) Rapid increase in ozone-depleting chloroform emissions from China

(2) Ronald G. Prinn

(3) Anita Ganesan

(4) School of Geographical Sciences - University of Bristol

(5) Xuekun Fang

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: New study finds chloroform emissions, on the rise in East Asia, could delay ozone recovery by up to eight years

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.