La foresta pluviale atlantica si sta rigenerando


La foresta pluviale atlantica si sta rigenerando

La foresta pluviale atlantica è stata selvaggiamente distrutta e bruciata per diversi secoli. A causa di questa distruzione, attualmente è rimasta solo il 12% circa di foresta intatta.

La foresta pluviale atlantica è ancora uno dei più grandi depositi di biodiversità del pianeta e, contrariamente a un processo apparentemente irreversibile, la copertura forestale nel bioma ha iniziato a ricrescere negli ultimi decenni.

Per confermare questa tendenza e comprendere le dinamiche del degrado e della rigenerazione dei frammenti di foresta, uno studio condotto presso la National Space Research (INPE) in Brasile ha confrontato le recenti immagini satellitari ad alta risoluzione con le fotografie aeree georeferenziate scattate nel 1962 e ha distribuito potenti risorse computazionali per analizzare cambiamenti nella copertura forestale usando come marcatori due specie di alberi pionieri: il Cecropia hololeuca (argento embaúba) e il Tibouchina pulchra (cespuglio di gloria).

Le specie pioniere sono specie resistenti che sono le prime a colonizzare ecosistemi precedentemente distrutti o danneggiati. Un articolo sullo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS ONE. (1)

Il dottor Fabien Hubert Wagner, (2) autore principale dell'articolo, dice: «Entrambe le specie sono pioniere che crescono dopo il degrado. Il nostro studio mostra che C. hololeuca è un marker di foresta degradata e che T. pulchra è un indicatore della rigenerazione delle foreste negli ex pascoli. Confrontando le immagini, siamo stati in grado di determinare se il frammenti di foresta indagati si sono evoluti dal pascolo o erano già lì prima del 1962.»

Wagner ha spiegato che comprendere la storia dei resti della foresta pluviale atlantica è importante perché la biodiversità è potenzialmente maggiore nelle formazioni forestali più vecchie e meno degradate e questo tipo di informazioni è cruciale per la conservazione.

La regione studiata si trova nello stato di San Paolo e si trova tra São José dos Campos, una grande città montuosa e Ubatuba sulla costa. Include parte del Serra do Mar State Park. «Ci sono oltre 2.000 frammenti di foresta in questo quadrilatero, che misura circa 100 km per 60 km», ha detto Wagner. «Abbiamo calcolato le mappe del predominio delle specie per queste due specie di alberi e abbiamo scoperto che almeno il 4,3% della copertura forestale naturale della regione si è rigenerata dopo il 1962.»

Wagner ritiene che queste aree si siano rigenerate dopo l'approvazione della legge federale 5106 nel 1966, in base alla quale le iniziative di rimboschimento o riforestazione sono state incoraggiate mediante incentivi fiscali. Egli puntualizza: «Un altro interessante risultato dello studio, che conferma questa ipotesi, è che gli eucalipti, visti nella regione, oggi sono stati piantati dove prima non c'era copertura forestale. Sono poveri nella biodiversità ma hanno contribuito all'espansione della copertura forestale.»

Oltre all'eccellente database comprendente immagini prodotte dai satelliti WorldView-2 e WorldView-3, con risoluzioni spaziali rispettivamente di 0,5 m e 0,3 m, nonché 40 fotografie aeree scattate nel 1962, lo studio ha beneficiato dell'uso del potente strumento di artificial intelligence/machine learning tool U-net, una rete neurale convoluzionale (CNN).

«Riproduce ciò che fa l'occhio umano ma su una scala incomparabilmente più grande. Può mappare milioni di oggetti in una singola immagine», ha detto Wagner.

Le reti neurali convoluzionali sono algoritmi deep learning utilizzati per la classificazione e il riconoscimento delle immagini a causa della loro elevata precisione.

«Abbiamo scoperto che T. pulchra indica chiaramente la rigenerazione delle foreste, poiché quasi tutti gli individui di questa specie erano situati all'interno o adiacenti a resti forestali recuperati dal 1962. C. hololeuca, tuttavia, appariva quasi esclusivamente in frammenti più vecchi già presenti nel 1962», Ha detto Wagner.

La stessa procedura sarà estesa a tutto il bioma della foresta pluviale atlantica, i cui resti si trovano sulla costa di 17 stati brasiliani. «Non è sufficiente sapere che esiste una foresta in una particolare area. Dobbiamo conoscerne la storia, sia essa antica o recente, per conservarla. Questo è l'obiettivo della nostra ricerca», ha concluso Wagner.

Informazioni sulla Fondazione di ricerca di San Paolo (FAPESP)

La Fondazione di ricerca di San Paolo (FAPESP) (3) è un'istituzione pubblica con la missione di sostenere la ricerca scientifica in tutti i campi della conoscenza assegnando borse di studio, riconoscimenti e borse di studio a ricercatori collegati con istituti di istruzione superiore e di ricerca nello Stato di San Paolo, in Brasile. FAPESP è consapevole che la migliore ricerca può essere fatta solo lavorando con i migliori ricercatori a livello internazionale. Pertanto, ha stabilito partenariati con agenzie di finanziamento, istruzione superiore, società private e organizzazioni di ricerca in altri paesi noti per la qualità della loro ricerca e ha incoraggiato gli scienziati finanziati dalle sue sovvenzioni a sviluppare ulteriormente la loro collaborazione internazionale.

Riferimenti:

(1) Mapping Atlantic rainforest degradation and regeneration history with indicator species using convolutional network

(2) Fabien Hubert Wagner

(3) FAPESP

Descrizione foto: la Tibouchina pulchra (cespuglio di gloria) indica chiaramente la rigenerazione della foresta poiché quasi tutti gli individui di questa specie erano situati all'interno o adiacenti ai resti della foresta che si sono ripresi dal 1962. - Credit: Fabien Hubert Wagner.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Study investigates Atlantic Rainforest regeneration in the state of São Paulo

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.