Isolati in Francia i ceppi di coronavirus 2019-nCoV


Isolati in Francia i ceppi di coronavirus 2019-nCoV

Oltre a sequenziare l'intero genoma del coronavirus 2019-nCoV, l'Institut Pasteur ha continuato a lavorare sui campioni prelevati dai primi casi confermati. La qualità di questi campioni iniziali ha consentito un rapido isolamento delle colture cellulari del nuovo virus. Gli scienziati dell'Institut Pasteur hanno ora accesso al virus responsabile dell'infezione. L'isolamento del virus apre la strada a nuovi approcci diagnostici, terapeutici e profilattici.

Poiché l'intero genoma virale del coronavirus 2019-nCoV è stato recentemente sequenziato all'Institut Pasteur, l'isolamento dei ceppi di coronavirus 2019-nCoV rilevati in Francia è stato ora finalizzato con successo, in un breve lasso di tempo, utilizzando i campioni prelevati da i primi casi francesi confermati.

Coronavirus 2019-nCoV, responsabile dei casi di polmonite emersi in Cina (vedi la scheda dell'Institut Pasteur sul coronavirus di Wuhan - pagina in francese (1), differisce da altri due virus noti per causare focolai respiratori negli ultimi anni: il Il virus SARS-CoV, responsabile dell'epidemia di SARS nel 2003, e MERS-CoV, responsabile di un focolaio in atto dal 2012 in Medio Oriente.

L'Institut Pasteur è stato attivamente coinvolto nell'affrontare questi precedenti focolai, che hanno dato preziose lezioni per la situazione attuale.

«Sia per SARS-CoV che per MERS-CoV, le cellule conosciute come Vero E6 sono state identificate per la coltura dei due coronavirus», spiega la dottoressa Sylvie van der Werf, (2) direttore del National Reference Center (CNR) per i virus respiratori presso l'Istituto Pasteur. «Nel gennaio 2020, li abbiamo portati fuori dalla nostra collezione, che è mantenuta in condizioni rigorosamente controllate, in modo da essere pronti non appena avessimo rilevato un campione positivo per coronavirus 2019-nCoV.»

Crescita estremamente rapida del virus in coltura

L'Institut Pasteur era quindi ben preparato e lo scorso venerdì 24 gennaio 2020, il giorno stesso della conferma dei primi casi, iniziò il processo di coltura dei campioni che erano risultati positivi per il virus sulle cellule Vero E6. «Usando metodi di rilevazione, abbiamo osservato un'alta carica virale nei campioni prelevati dai pazienti in ospedale a Parigi. Questo ci ha permesso di identificare quali campioni dovrebbero essere coltivati per primi», afferma Sylvie Behillil, vicedirettore del CNR presso l'Istituto Pasteur.

I virus hanno continuato ad essere coltivati durante il fine settimana del 25-26 gennaio 2020. Entro la mattina di lunedì 27 gennaio, la cultura era già cresciuta! «Non pensavamo che sarebbe cresciuto così rapidamente», continua Sylvie Behillil. «La rapida crescita della cultura può essere spiegata da l'elevata carica virale nei campioni, ma anche dalla qualità dei campioni», aggiunge il dottor Vincent Enouf, (3) vicedirettore del CNR (National Reference Centre) presso l'Istituto Pasteur. «Abbiamo potuto vedere le cellule danneggiate e quindi raggrupparsi insieme, il che può indicare che sono state infettate. Ma non abbiamo osservato questo effetto citopatico per tutti i campioni inoculati; questo ci ha rassicurato sul fatto che siamo riusciti a isolare i ceppi, e questo è stato quindi confermato da ulteriori analisi.»

Virus 2019-nCoV ora disponibile per la ricerca

Ora che gli scienziati dell'Institut Pasteur hanno accesso al coronavirus 2019-nCoV, possono iniziare a migliorare le conoscenze scientifiche sul virus.

La ricerca si concentrerà su quattro aree principali.

  1. Sierologia. Analizzare le reazioni antigene-anticorpo in base agli anticorpi presenti nel siero del sangue dei pazienti e sviluppare un test sierologico efficace per verificare l'infezione tra la popolazione. NB: questo non è un test diagnostico rapido per uso ospedaliero; è un test per identificare la sieroconversione nella popolazione.
  2. Sviluppo di trattamenti specifici. Testare molecole antivirali note che agiscono sul ciclo di replicazione di alcuni virus per valutare il loro potenziale terapeutico o addirittura profilattico e cercare anticorpi che potrebbero avere applicazioni terapeutiche.
  3. Vaccinazione. Basato sul virus, lo sviluppo di approcci vaccinali che sono già stati esplorati per altri virus - Ebola, MERS-CoV e SARS-CoV -, con l'obiettivo di proporre un candidato al vaccino.
  4. Patogenesi virale. Comprendere come funziona il virus, come si replica e interagisce con la cellula e l'organismo ospite, per ottenere un quadro più chiaro della sua natura patogena e identificare i biomarcatori per l'infezione o nuovi obiettivi per lo sviluppo di trattamenti.

Il National Reference Centre (CNR) per i virus respiratori presso l'Institut Pasteur di Parigi è uno dei laboratori di riferimento dell'OMS per il coronavirus 2019-nCoV.

Un totale di otto persone del CNR e due della piattaforma di sequenziamento P2M hanno lavorato sul virus e continueranno a monitorare l'epidemia in Francia.

In risposta all'annuncio dei primi casi e alla dichiarazione dell'epidemia da parte delle autorità cinesi, l'Istituto Pasteur ha istituito una task force per il nuovo coronavirus.

L'isolamento del coronavirus 2019-nCoV cancella un ostacolo vitale per la ricerca, che ora è iniziata. L'Institut Pasteur ha istituito immediatamente una task force per mobilitare i suoi esperti con l'obiettivo di sviluppare gli strumenti diagnostici, di prevenzione e di trattamento il più rapidamente possibile per affrontare il nuovo coronavirus.

Diversi team dell'Institut Pasteur sono rappresentati nella task force, che concentrerà la sua ricerca su varie aree scientifiche:

  • Comprendere di più sul virus e sulla sua patogenesi;
  • sviluppo di nuovi strumenti diagnostici e ricerca di anticorpi che potrebbero avere applicazioni terapeutiche;
  • Sviluppo del vaccino;

Riferimenti:

(1) Coronavirus de Wuhan

(2) Sylvie van der Werf

(3) Vincent Enouf

Descrizione foto: a sinistra, uno strato cellulare non danneggiato dai virus. A destra, uno strato cellulare con un effetto citopatico visibile (CPE); le cellule infettate dal virus sono state distrutte. - Credit: Institut Pasteur/CNR for Respiratory Viruses at the Institut Pasteur.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Institut Pasteur isolates strains of coronavirus 2019-nCoV detected in France

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.