Grasso nei polmoni delle persone in sovrappeso e obese


Grasso nei polmoni delle persone in sovrappeso e obese

Lo studio fornisce la prima prova che il grasso si accumula nei polmoni delle persone in sovrappeso e obese.

I ricercatori hanno dimostrato, per la prima volta, che il tessuto adiposo si accumula nelle pareti delle vie aeree, in particolare nelle persone in sovrappeso o obese. Gli scienziati sanno già che le persone in sovrappeso o obese hanno maggiori probabilità di soffrire di respiro sibilante e asma, ma le ragioni di ciò non sono state completamente spiegate.

Il nuovo studio, pubblicato sull'European Respiratory Journal, (1) suggerisce che questo tessuto adiposo altera la struttura delle vie aeree delle persone e questo potrebbe essere uno dei motivi che causano l'aumento del rischio di asma.

L'autore dello studio è il dottor John Elliot, un ricercatore senior presso l'ospedale Sir Charles Gairdner di Perth, nell'Australia occidentale. Egli ha affermato: “Il nostro gruppo di ricerca studia la struttura delle vie aeree all'interno dei nostri polmoni e come questi sono alterati nelle persone con malattie respiratorie. Osservando campioni di polmone, abbiamo individuato tessuto adiposo che si era accumulato nelle pareti delle vie aeree. Volevamo vedere se questo accumulo era correlato al peso corporeo.”

I ricercatori hanno esaminato campioni post-mortem di polmone che erano stati donati per la ricerca e conservati nella biobanca del tessuto respiratorio. Essi hanno studiato campioni di 52 persone, tra cui 15 che non avevano riportato asma, 21 che avevano l'asma ma erano deceduti per altre cause e 16 morti per asma. Usando i coloranti per aiutare a visualizzare al microscopio le strutture di 1373 vie aeree, hanno identificato e quantificato qualsiasi tessuto adiposo presente. Hanno confrontato questi dati con l'indice di massa corporea (BMI) di ogni persona.

Per la prima volta, lo studio ha dimostrato che il tessuto adiposo si accumula nelle pareti delle vie aeree. L'analisi ha rivelato che la quantità di grasso presente aumenta in linea con l'aumento dell'IMC (indice di massa corporea). La ricerca suggerisce anche che questo aumento di grasso altera la normale struttura delle vie aeree e porta all'infiammazione dei polmoni.

Il co-autore, il dottor Peter Noble, professore associato presso l'Università dell'Australia occidentale a Perth, ha dichiarato: “essere in sovrappeso o obesi è già stato associato alla patologia dell'asma o a una sintomatologia asmatica più acuta. I ricercatori hanno suggerito che il legame potrebbe essere spiegato dalla pressione diretta dovuta all'eccesso di peso sui polmoni o da un aumento generale dell'infiammazione creato dal peso in eccesso. Questo studio suggerisce che è in gioco anche un altro meccanismo: abbiamo scoperto che il grasso in eccesso si accumula nelle pareti delle vie aeree dove occupa spazio e sembra aumentare l'infiammazione all'interno dei polmoni. Pensiamo che ciò stia causando un ispessimento delle vie aeree che limita il flusso d'aria in entrata e in uscita dai polmoni e ciò potrebbe almeno in parte spiegare un incremento dei sintomi dell'asma.”

Il team è alla ricerca di nuovi modi per studiare e misurare il tessuto adiposo nei polmoni. I ricercatori vogliono confermare la relazione con le malattie respiratorie e scoprire se l'effetto può essere annullato da una terapia dietetica.

Il professor Thierry Troosters, (2) presidente della European Respiratory Society che non è stato coinvolto nello studio, ha detto: “questa è una scoperta importante sulla relazione tra peso corporeo e patologie respiratorie perché mostra come essere in sovrappeso o in uno stato di obesità potrebbe peggiorare i sintomi per le persone con asma. Questo va oltre la semplice osservazione che i pazienti con obesità devono respirare di più con l'attività e l'esercizio fisico, aumentando così il loro carico ventilatorio. L'osservazione indica i veri cambiamenti delle vie aeree associati all'obesità. Dobbiamo studiare questa scoperta in modo più dettagliato e, in particolare, se questo fenomeno può essere invertito con la perdita di peso. Nel frattempo, dovremmo sostenere i pazienti asmatici per aiutarli a raggiungere o mantenere un peso sano.”

Riferimenti:

(1) Fatty Airways: Implications for Obstructive Disease

(2) Thierry Troosters

Descrizione foto: micrografie (x200) della parete delle vie aeree esterne (A.), tra lo strato di muscolo liscio delle vie aeree (ASM) e l'avventizia delle vie aeree (linea tratteggiata) che mostra il tessuto adiposo e le ghiandole mucose e (B.) parete delle vie aeree interne (sottomucosa), tra la membrana basale e lo strato di ASM (linea tratteggiata) in un caso di asma fatale colorato con ematossilina ed eosina. Le cellule infiammatorie sono state contate all'interno della parete delle vie aeree interne.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Study provides first evidence that fat accumulates in the lungs of overweight and obese people

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.