Come si sviluppa la preeclampsia


Come si sviluppa la preeclampsia

I ricercatori hanno trovato una causa primaria della preeclampsia, un disturbo della gravidanza ipertensivo e infiammatorio associato ad accumulo di colesterolo.

La preeclampsia è un disturbo della gravidanza ipertensivo e infiammatorio associato ad accumulo di colesterolo e infiammazione a livello dell'interfaccia materno-fetale. La preeclampsia può essere complicata dalla restrizione della crescita fetale (FGR - fetal growth restriction) e condivide fattori di rischio e meccanismi fisiopatologici con le malattie cardiovascolari. L'attivazione dell'inflammasoma NLRP3 (NLR family pyrin domain containing 3) mediata da cristalli di colesterolo è centrale per le malattie cardiovascolari e la via è stata implicata nell'infiammazione placentare nella preeclampsia. L'interazione diretta materno-fetale si verifica sia nella parete decidua uterina che sulla superficie placentare e questi siti allineati costituiscono l'interfaccia materno-fetale.

Nonostante sia stato oggetto di crescente interesse per un intero secolo, come si sviluppa la preeclampsia non è stato chiaro - fino ad ora.

In un articolo pubblicato su Frontiers (1) i ricercatori ritengono di aver ora trovato una causa primaria della preeclampsia.

«Abbiamo trovato un pezzo mancante del puzzle. I cristalli di colesterolo sono la chiave e siamo i primi a portarlo alla luce», afferma la ricercatrice Gabriela Silva. (2)

La dottoressa Silva lavora presso il Centro di ricerca sull'infiammazione molecolare (CEMIR) dell'Università norvegese di scienza e tecnologia (NTNU), un centro di eccellenza, dove fa parte di un gruppo di ricerca sull'infiammazione in gravidanza guidato dalla professoressa Ann-Charlotte Iversen. (3)

Circa il 3% delle donne incinte in Norvegia contraggono questa malattia. In tutto il mondo, la preeclampsia è una delle principali cause di malattia e morte sia nella madre che nel feto. In una gravidanza preeclamptica, la placenta non si sviluppa correttamente e il bambino a volte riceve anche troppo poco nutrimento.

I sintomi della preeclampsia sono spesso lievi, ma in alcuni casi la condizione diventa così grave che il bambino deve essere partorito prematuramente. La preeclampsia non scompare fino alla nascita del bambino. Poiché nessuno ha capito il motivo per cui si verifica la condizione, l'attuale trattamento consiste nel monitorare e alleviare i sintomi.

La dottoressa Gabriela Silva ritiene che il trattamento futuro diventerà ora più efficace. «Una gravidanza è in realtà una sorta di condizione infiammatoria naturale e, nel caso della preeclampsia, l'infiammazione è diventata troppo forte e porta alla patologia».

Le donne che hanno avuto la preeclampsia hanno un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiovascolari nel corso della vita.

È stato proprio questo collegamento che ha portato i ricercatori a scegliere di esaminare il colesterolo nelle donne in gravidanza con preeclampsia. Il colesterolo è una delle principali cause di malattie cardiovascolari.

I cristalli di colesterolo si trovano nella placca che ostruisce i vasi sanguigni. Questi cristalli si formano quando il colesterolo cattivo si accumula nelle pareti dei vasi sanguigni. Gli studi hanno dimostrato che i cristalli di colesterolo sono un iniziatore particolarmente potente dell'infiammazione nel corpo e possono causare la coagulazione del sangue. Essi sono identificati come sostanze nocive nel corpo che devono essere eliminate. Ma le cellule di difesa che vengono a svolgere il lavoro non sono in grado di scomporli. Chiedono rinforzi e più cellule immunitarie entrano, inutilmente. La risposta immunitaria prosegue e il processo infiammatorio si intensifica.

La dottoressa Silva ha scoperto che l'infiammazione era al massimo nella regione chiamata interfaccia materno-fetale, dove le cellule della madre entrano in contatto diretto con le cellule fetali. Questo accade nella placenta e nella parete uterina. «Questo contatto diretto è un segno tangibile che l'infiammazione influenza direttamente la comunicazione tra madre e feto e contribuisce a un'infiammazione ancora maggiore nella madre. I livelli di colesterolo sono alti in tutte le donne in gravidanza, perché sia il feto che la placenta hanno bisogno di colesterolo. Ma i livelli erano ancora più alti nelle donne con preeclampsia. Avevano anche molto di più del colesterolo cattivo, che è il tipo di colesterolo che si trova nelle persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari».

Gabriela Silva ha svolto un lavoro certosino per risolvere l'enigma. Ha usato campioni di tessuto da una biobanca che il gruppo di ricerca del CEMIR ha costruito e ha incluso campioni di placenta di 90 donne con preeclampsia ottenuti immediatamente dopo la nascita. I ricercatori hanno quindi prelevato campioni di tessuto sia dalla parete uterina che dalla placenta. I campioni sono stati esaminati utilizzando microscopi avanzati. Ci sono voluti anni di ricerca per arrivare al risultato. Il trattamento futuro per la preeclampsia potrebbe includere semplicemente farmaci per abbassare il colesterolo, come le statine, ma sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire i loro effetti.

«Alcune donne hanno un rischio maggiore di preeclampsia sin dall'inizio. Dovrebbero essere seguite con un controllo del colesterolo. Questo non viene fatto regolarmente oggi, ma dovrebbe essere fatto regolarmente in futuro. L'uso di statine durante la gravidanza non lo è consigliato ora, ma diversi studi clinici stanno esaminando più da vicino questo e stanno dimostrando che la pravastatina, per esempio, può essere sicura da usare durante la gravidanza», conclude Silva.

Riferimenti:

(1) Cholesterol Crystals and NLRP3 Mediated Inflammation in the Uterine Wall Decidua in Normal and Preeclamptic Pregnancies

(2) Gabriela Silva

(3) Ann-Charlotte Iversen

Descrizione foto: I risultati di molti anni di ricerca hanno richiesto molto tempo. Gabriela Silva (in camice bianco) ha utilizzato campioni di tessuto da una biobanca, inclusi campioni di placenta di 90 donne con preeclampsia ottenuti immediatamente dopo la nascita. I campioni sono stati esaminati utilizzando microscopi avanzati. - Credit: Norwegian University of Science and Technology.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Important cause of preeclampsia discovered

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.