Le tartarughe marine ospitano organismi


Le tartarughe marine ospitano organismi

Un team internazionale ha scoperto che oltre il doppio del numero di organismi, rispetto a quelli precedentemente osservati, vive sulle conchiglie delle tartarughe marine.

C'è un mondo di vita sul dorso delle tartarughe marine, ed è più abbondante e diversificato di quanto gli scienziati sapessero. Un team internazionale guidato da ricercatori della Florida State University ha scoperto che oltre il doppio del numero di organismi rispetto a quelli precedentemente osservati vive sulle conchiglie di questi rettili oceanici, sollevando importanti domande sull'ecologia e sulla conservazione delle tartarughe marine. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Diversity. (1)

Il dottor Jeroen Ingels, (2) ricercatore del Florida Coast University and Marine Laboratory e autore principale dello studio, dice: «Ciò suggerisce che le tartarughe marine sono punti caldi per l'abbondanza e la biodiversità degli organismi. Sospettiamo che organismi più grandi in grado di formare strutture fungano da habitat per creature microscopiche e consentano maggiori livelli di abbondanza e biodiversità.»

I ricercatori hanno scoperto questa diversità di organismi campionando meiofauna, che sono organismi di dimensioni approssimativamente comprese tra 1 millimetro e circa 0,032 millimetri. Essi si sono concentrati in particolare su un tipo di meiofauna acquatica chiamata nematodi. Ricerche precedenti non avevano preso in considerazione queste minuscole creature durante il rilevamento delle comunità di organismi che vivono sul dorso delle tartarughe marine.

«Trovare nematodi sui carapace delle tartarughe caretta non è una sorpresa, ma quando abbiamo confrontato i loro numeri e la loro diversità con quelli di altre superfici dure o persino sulla vita delle piante marine, ci siamo resi conto che i loro carapace abbondavano di questa vita microscopica, nella misura in cui difficilmente era stata documentato in passato», ha affermato Ingels.

I ricercatori della Florida State University, insieme a un team brasiliano guidato dal professor Giovani dos Santos e dalla professoressa Yirina Valdes, hanno campionato le conchiglie di 24 tartarughe marine che sono migrate nell'isola di St. George Island in Florida nell'estate del 2018 per deporre le uova. Inoltre, essi hanno esaminato una sezione anteriore, centrale e posteriore di ciascun guscio per vedere se le diverse aree avevano comunità microscopiche diverse. Per raccogliere i loro campioni, hanno rimosso i cirripedi, quindi hanno raschiato i gusci e li hanno spugnati per raccogliere con cura ogni creatura vivente. Hanno trovato migliaia di organismi meiofauna. Una tartaruga aveva più di 146.000 organismi individuali che vivevano sul suo carapace. I ricercatori hanno anche scoperto che la sezione posteriore dei gusci, più vicina alle pinne posteriori, aveva comunità diverse e una maggiore diversità di specie.

Precedenti studi su teste di legno avevano trovato meno di 100 specie diverse di qualsiasi tipo che vivevano sui loro gusci. Includendo i nematodi trovati in questo nuovo studio, i ricercatori hanno aggiunto almeno 111 nuove specie all'elenco di organismi che possono vivere sul dorso delle testuggini. Quel conteggio non include altri tipi di meiofauna, il che significa che il numero potrebbe essere ancora maggiore.

La ricerca potrebbe aiutare a spiegare un paradosso attorno a queste creature in miniatura: come si possono trovare gli stessi tipi di meiofauna acquatica in diverse parti del mondo, a centinaia o addirittura migliaia di chilometri di distanza? I ricercatori pensano di essere in grado di percorrere lunghe distanze sul dorso delle tartarughe marine, il che potrebbe aiutare a spiegare la loro diffusa distribuzione. I ricercatori hanno anche scoperto che le singole tartarughe ospitano comunità significativamente diverse di meiofauna che vivono sulle loro conchiglie.

Decine di migliaia di microrganismi microscopici possono colonizzare le tartarughe marine che visitano coste e spiagge remote durante la loro migrazione. Ha senso che ci sarebbe una connessione tra i luoghi frequentati dalle tartarughe e i luoghi in cui si trovano gli stessi meiofauna, ha detto il dottor Ingels. Una migliore comprensione di tale collegamento potrebbe aiutare a informare le pratiche di conservazione di questi rettili.

«Le informazioni sulle aree chiave utilizzate dalle tartarughe marine sono cruciali per informare la loro gestione, in quanto aiutano a identificare le principali minacce a cui sono esposte», ha affermato Mariana Fuentes, (3) co-autrice dell'articolo e assistente professore di oceanografia presso il Dipartimento di FSU di Scienze della terra, dell'oceano e dell'atmosfera.

I ricercatori dell'Università Federale di Paraíba, dell'Università Federale di Pernambuco, del Dipartimento dei Lavori Pubblici della Contea di Indian River, del Dipartimento della Protezione ambientale della Florida, della Columbia University e dell'Università di Copenaghen hanno contribuito a questo studio.

Questa ricerca è stata finanziata dalla Florida Sea Turtle License Plate Grant e dalla Fondazione PADI.

Nota dell'editore: le fotografie delle tartarughe marine sono state scattate durante le attività di ricerca consentite dalla Florida Fish and Wildlife Conservation Commission (permesso # MTP-18-239) in condizioni non dannose per questi animali. Non tentare di ricreare il contenuto di queste immagini senza un'adeguata formazione e osservazione. Queste immagini sono state scattate sotto la luce rossa e convertite in bianco e nero in post-elaborazione.

Riferimenti:

(1) Meiofauna Life on Loggerhead Sea Turtles-Diversely Structured Abundance and Biodiversity Hotspots That Challenge the Meiofauna Paradox

(2) Jeroen Ingels

(3) Mariana Fuentes

Descrizione foto: i ricercatori raccolgono campioni di organismi che vivono sulle conchiglie delle tartarughe marine durante l'estate 2018. - Credit: Matthew Ware / Florida State University.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: The world on their backs: Loggerhead sea turtles host diverse community of miniature organisms

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.