La migrazione delle tartarughe giganti

Con i cambiamenti climatici le tartarughe giganti migrano ma non usano le attuali condizioni ambientali per cronometrare la loro migrazione stagionale

Le tartarughe giganti migrano imprevedibilmente di fronte ai cambiamenti climatici. A differenza di molte specie migratorie, le tartarughe giganti delle Galapagos non usano le attuali condizioni ambientali per pianificare la loro migrazione stagionale.

Le tartarughe giganti delle Galapagos, a volte chiamate 'Giardiniere delle Galapagos', sono creature abitudinarie. Nella stagione fredda e asciutta, gli altopiani delle pendici del vulcano vengono avvolti da banchi di nuvole che consentono alla vegetazione di crescere nonostante la mancanza di pioggia. Sulle pendici più basse c'è solitamente uno spesso strato di nebbia e la vegetazione non è disponibile tutto l'anno. Le tartarughe adulte trascorrono quindi la stagione secca nei luoghi situati in altitudine per poi ritornare nelle zone più basse, relativamente più calde, dove c'è una vegetazione abbondante e nutriente, quando inizia la stagione delle piogge.

Le tartarughe spesso percorrono le stesse rotte migratorie per molti anni con l'obiettivo di trovare il luogo più adatto per le loro esigenze. La tempistica di questa migrazione è essenziale per mantenere alti i loro livelli di energia. Il cambiamento climatico potrebbe interrompere la capacità di una tartaruga di migrare al momento giusto.

In un articolo pubblicato dalla rivista Ecological Society of America, (1) viene narrato l'utilizzo, da parte dei ricercatori, del GPS per tracciare i tempi e gli schemi della migrazione delle tartarughe nell'arco di diversi anni.

“Avevamo tre obiettivi principali nello studio”, spiega il dottor Guillaume Bastille-Rousseau, (2) autore principale dell'articolo. “Uno, determinare se le tartarughe adattano il loro tempo di migrazione alle attuali condizioni ambientali. Due, se sì, quali indizi usano per regolare i tempi. Tre, quali sono le conseguenze energetiche del loro disadattamento della migrazione?”

I ricercatori hanno previsto che le migrazioni siano cronometrate con le attuali condizioni di cibo e temperatura poiché molte altre specie migratorie operano in questo modo. Il dottor Guillaume Bastille-Rousseau sostiene: “molti animali, come gli ungulati, possono tracciare le attuali condizioni ambientali e migrare di conseguenza.

Tuttavia, contrariamente alle aspettative dei ricercatori, la migrazione è debolmente associata alle condizioni meteorologiche come nebbia, pioggia e temperatura. Ad esempio, in condizioni aride, sembra che le tartarughe non tengano conto di tale variazione quando decidono che è tempo di migrare. A questo punto non è chiaro se stiano basando le loro decisioni sulla migrazione, sui ricordi delle condizioni passate o se stiano semplicemente valutando erroneamente le attuali condizioni locali.

Fortunatamente, questa tempistica non ottimale potrebbe non avere ancora un impatto critico sulla salute delle tartarughe. Potenzialmente, a causa delle loro lunghe vite (fino a 100 anni) e delle loro grandi dimensioni corporee, i cattivi tempi di migrazione hanno minori conseguenze per le tartarughe giganti rispetto a piccoli animali dalla vita più corta. Le tartarughe giganti possono rimanere senza mangiare per un anno e sopravvivere, mentre altre specie migratrici devono mangiare più regolarmente per sostenere i loro livelli di energia.

Le tartarughe giganti sono importanti ingegneri dell'ecosistema delle Galapagos. Esse sono responsabili della dispersione dei semi a lunga distanza e la loro migrazione è fondamentale per la sopravvivenza di molte specie di alberi e piante. Non è ancora chiaro come la variazione delle tartarughe nei tempi di migrazione influenzerà il resto dell'ecosistema. Poiché le tartarughe non sembrano tenere traccia delle variazioni annuali delle condizioni ambientali è abbastanza probabile che il fenomeno della migrazione continuerà ad aumentare in futuro.

“Una preoccupazione è che in futuro, a un certo punto, la migrazione potrebbe non essere una strategia ottimale per le tartarughe. Se si concretizzasse una simile ipotesi il numero di esemplari che fanno questi spostamenti a lunga distanza potrebbe ridursi con conseguenze non positive per l'intero ecosistema ”, conclude il dottor Guillaume Bastiglia-Rousseau.

Riferimenti:

(1) Migration triggers in a large herbivore: Galápagos giant tortoises navigating resource gradients on volcanoes

(2) Guillaume Bastille-Rousseau

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Migration triggers in a large herbivore: Galápagos giant tortoises navigating resource gradients on volcanoes

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.