Coronavirus: 27 mln di statunitensi senza copertura sanitaria


Coronavirus: 27 mln di statunitensi senza copertura sanitaria

Mentre i funzionari della sanità pubblica e i responsabili politici corrono per contenere la diffusione del nuovo coronavirus COVID-19 (SARS-Cov-2) negli Stati Uniti, devono anche confrontarsi con una realtà scoraggiante: circa 27 milioni di americani, circa il 9% della popolazione, vivono senza alcuna forma di assicurazione sanitaria. Nello stato della California, quelli senza assicurazione sono circa 3 milioni, circa il 7,5% della popolazione.

A partire da lunedì 9 marzo 2020, negli Stati Uniti sono stati confermati più di 580 casi del nuovo coronavirus COVID-19, di cui 230 aggiunti nel corso del fine settimana. Man mano che i test aumentano in tutto il paese e questi numeri continuano ad aumentare, è inevitabile che alcune delle persone colpite siano prive di assicurazione sanitaria.

Berkeley News ha parlato con il dottor Stephen Shortell, (1) esperto di politica sanitaria e di gestione, di come il mix statunitense di assicurazioni sanitarie pubbliche e private e il vasto numero di assicurati non possono influire sulla diffusione del virus e su quali soluzioni potrebbero andare avanti. Shortell è illustre professore di Politica e gestione della salute emerito e decano emerito presso la Berkeley School of Public Health e funge anche da condirettore del Center for Healthcare Organizational Innovation Research (CHOIR) e del Center for Lean Engagement and Research in Healthcare (CLEAR).

Berkeley Notizie: In che modo il nostro sistema di assicurazione sanitaria si confronta con altri paesi che stanno affrontando focolai di coronavirus in questo momento, come l'Italia e la Corea del Sud? Lei Pensa che il nostro sistema di patchwork potrebbe peggiorare le epidemie?

Stephen Shortell: l'accesso finanziario alle cure non è semplicemente un problema nella maggior parte degli altri paesi sviluppati, come l'Italia e la Corea del Sud, e molti altri interessati o che saranno colpiti dall'epidemia. Il grado di copertura finanziaria per l'assistenza sanitaria non è un problema per quanto riguarda lo scoppio iniziale di malattie infettive, ma può accelerare la diffusione nella misura in cui le persone iniziali colpite ritardano il test e la diagnosi dei sintomi perché mancano di copertura assicurativa o non hanno una fonte regolare di cure. Questa è l'ulteriore complicazione e la sfida che abbiamo negli Stati Uniti.

In che modo il nostro attuale sistema di assicurazione sanitaria è attrezzato per gestire i costi relativi alle malattie emergenti, come il coronavirus?

Per coloro che, non hanno una copertura assicurativa sanitaria, potrebbero aver bisogno di cure, le prestazioni sanitarie saranno fornite da medici e ospedali come “cure gratuite” senza rimborso. La misura in cui coloro che hanno una copertura assicurativa sanitaria pagheranno la copertura per il costo delle loro cure dipenderà dalla natura della loro polizza. Negli ultimi anni, i consumatori pagano di tasca loro più assistenza sotto forma di franchigie elevate, dato l'aumento del costo delle cure per il quale molti datori di lavoro chiedono ai consumatori di pagare di più. Quelle persone con attuali malattie croniche, come il diabete e l'asma, hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi più gravi del coronavirus, e ciò può comportare esacerbazioni delle loro condizioni sottostanti e comportare costi maggiori per il trattamento.

Esistono prove del fatto che le persone non assicurate hanno più o meno probabilità di contrarre il virus?

Quelli senza assicurazione tendono ad avere un reddito inferiore, hanno una istruzione scolastica inferiore a quella delle scuole superiori, eseguono attività a basso salario, vivono in aree che hanno più inquinamento e meno risorse sanitarie e generalmente hanno una salute più precaria. Pertanto, possono essere particolarmente sensibili, vulnerabili e a rischio per il coronavirus.

Per quanto ne sappia, nessuna delle statistiche finora ha rivelato le persone colpite dallo status assicurativo o da qualsiasi altra caratteristica sociodemografica dei soggetti coinvolti. Da un lato, quelli senza copertura disoccupati possono avere maggiori probabilità di rimanere a casa e non essere portatori del virus o essere esposti ad esso. Hanno sicuramente meno probabilità di viaggiare. D'altra parte, coloro che sono impiegati hanno maggiori probabilità di andare a lavorare anche quando sono malati e dovrebbero rimanere a casa, perché i lavori a basso salario in genere non hanno buone politiche di congedo per malattia e le persone hanno bisogno del reddito.

Il presidente Trump ha proposto di utilizzare i finanziamenti nazionali per i disastri con lo scopo di pagare le cure per il coronavirus per le persone non assicurate. Lei pensa che questa sia un'opzione praticabile per colmare le lacune nella copertura assicurativa?

Sì, potrebbe essere necessario attivare i finanziamenti nazionali per le catastrofi per far fronte al problema. Potrebbe essere il prezzo che l'attuale amministrazione e il Congresso dovranno pagare per le politiche di supporto che hanno eroso l'Affordable Care Act, determinando un aumento del numero di assicurati.

Il Governatore della California Gavin Newsom ha ordinato alle compagnie assicurative di rinunciare alla franchigia per i test e lo screening del coronavirus nello stato. Le persone che non sono assicurate o con piani ad alta deducibilità hanno altri mezzi per coprire le spese mediche impreviste relative al coronavirus?

Attualmente, non vi è alcun ricorso per le persone che ricevono fatture mediche a sorpresa relative al coronavirus, ma ci sono alcuni conteggi progettati per eliminare le fatture mediche a sorpresa, e non solo per il coronavirus, che stanno propagandosi al Congresso e in vari stati.

Sulla base delle sue ricerche, qual è la migliore soluzione per proteggere gli americani di fronte ai costi potenzialmente elevati delle malattie emergenti, come il coronavirus?

È necessaria una copertura assicurativa sanitaria universale. Non deve essere un unico pagatore; ci sono molti modi per arrivarci e in California ci stiamo lavorando. Certo, a livello federale, molto dipende dalle elezioni. Il numero di non assicurati è aumentato a seguito dell'eliminazione delle caratteristiche chiave dell'Affordable Care Act da parte dell'amministrazione corrente. Non sappiamo quanti di quelli con il coronavirus non siano assicurati, ma avere una copertura assicurativa sanitaria universale eliminerebbe gli ostacoli finanziari ai test e alle cure.

Riferimenti:

(1) Stephen Shortell PhD, MPH, MBA

Descrizione foto: Stephen Shortell è illustre professore di Politica e gestione della salute emerito e decano emerito presso la Berkeley School of Public Health e funge anche da condirettore del Center for Healthcare Organizational Innovation Research (CHOIR) e del Center for Lean Engagement and Research in Healthcare (CLEAR). - Credit: University of California, Berkeley.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: America’s health insurance gaps could speed spread of coronavirus

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.