Archive - Feb 2018

Febbraio 27th

Inchiesta shock: propagare virus per alimentare il business dei vaccini

Virus e vacciniL’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas. Al centro c’è un groviglio di interessi dai confini molto confusi tra le aziende che producono medicinali e le istituzioni pubbliche che dovrebbero sperimentarle e certificarle. Con un sospetto, messo nero su bianco dagli investigatori dell’Arma: emerge un business delle epidemie che segue una cinica strategia commerciale.

Amplifica il pericolo di diffusione e i rischi per l’uomo, spingendo le autorità sanitarie ad adottare provvedimenti d’urgenza. Che si trasformano in un affare da centinaia di milioni di euro per le industrie, sia per proteggere la popolazione che per difendere gli allevamenti di bestiame. In un caso, ipotizzano perfino che la diffusione del virus tra il pollame del Nord Italia sia stata direttamente legata alle attività illecite di alcuni manager.

In uno degli episodi descritti nell’inchiesta, si scopre che i ceppi delle malattie più contagiose viaggiano da un Paese all’altro senza precauzioni e autorizzazioni.

Febbraio 25th

Intossicazione da pulizie domestiche. Detergenti tossici come le sigarette

Detergenti al pari delle sigaretteDa uno studio è emerso come i prodotti chimici per la pulizia siano dannosi per la salute.

Non tutti lo sanno, ma la pulizia della casa con l'uso di detergenti e spray chimici può mettere a repentaglio la salute di chi li utilizza. Usati per il lavoro o solo per la pulizia quotidiana della casa, i detergenti domestici possono apportare delle problematiche nei polmoni di chi ne fa uso al pari del fumo di 20 sigarette al giorno.

La problematica è emersa da una ricerca dell'Università di Bergen(1) in Norvegia, la quale è poi apparsa sull'American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.(2) Scopriamo nel dettaglio cosa è emerso dalla ricerca.

I risultati dello studio

I ricercatori hanno tenuto sotto osservazione 6.235 cittadini che hanno partecipato al sondaggio dal nome 'Cleaning at Home and at Work in Relation to Lung Function Decline and Airway Obstruction'.(3)

Febbraio 24th

I neuroni dell'intestino interagiscono con quelli del cervello

I neuroni dell'intestino interagiscono con quelli del cervelloPotremmo quasi affermare che il modo di dire “prendere una decisione di pancia” non sia del tutto sbagliato.

Vi è infatti un fondo di verità: l'intestino è il nostro secondo cervello, composto da oltre cento milioni di neuroni in dialogo continuo con quelli nella testa.

Le cellule nervose nell’addome producono il 95% della serotonina, il neurotrasmettitore della felicità, che poi agisce sul cervello: “Se si mangia un cibo gustoso la produzione aumenta e ci sentiamo meglio” spiega Attilio Giacosa, docente di gastroenterologia all’Università di Pavia, che spiega anche come “un’infiammazione dell’intestino distrugge la serotonina, e se al cervello ne arriva meno stiamo male, fino alla depressione”.

La relazione fra i due cervelli è molto stretta e a due direzioni, così per esempio lo stress si ripercuote sulla salute gastrointestinale.

Un’indagine di Assosalute (assosalute.info) ha dimostrato che nel 78% degli uomini e nell’88% delle donne preoccupazioni e ansia hanno causato problemi a stomaco e intestino.

“In questi casi gonfiore, dolori, difficoltà digestive si manifestano soprattutto di giorno.

Pagine