Archive - Ago 6, 2016

Crisi bancaria italiana: 630 mld di “non performing loans”

Giulietto ChiesaPer descrivere le cause della crisi bancaria italiana c’è soltanto l’imbarazzo della scelta:

é colpevole il governo in carica?;

oppure sono colpevoli le banche?;

oppure il colpevole è l’Europa?

Con ogni probabilità tutti e tre, insieme all’eredità del passato, che nessuno ha mai voluto affrontare.

Intanto i numeri disegnano un quadro allarmante: 630 miliardi di “non performing loans”, in termini accessibili all'uomo della strada, “carta straccia o quasi”. Per capire le dimensioni relative si tratta del 18% di tutti I prestiti bancari, ed esso è pari a 1/5 del PIL italiano.

Se l'Italia fosse l'America, o la Gran Bretagna, potrebbe fare quello che entrambe fecero tra il 2008 e il 2010: cioè ricapitalizzando le loro banche con l'iniezione poderosa di oltre 10 trilioni di dollari, inventati dalle rispettive banche centrali.