Archive - Mar 2016

Marzo 26th

Steven Seagal: anche negli Usa operazioni false flag

Steven SeagalL’attore Steven Seagal in un’intervista con RT, ha sostenuto che le recenti e continue sparatorie accadute negli U.S.A, non siano in realtà opera di persone squilibrate appartenenti al popolo, bensì vere e proprie operazioni false flag ad opera del governo americano, progettate per raccogliere sostegno e consensi per la legislazione sul controllo delle armi.

Nel video Steven Seagal parla senza mezzi termini della sua convinzione che sia in atto uno sforzo concentrato da parte del governo di violare i nostri diritti, come parte di un attacco mirato alle basi fondamentali della Costituzione.

“Il diritto costituzionale di possedere armi, non significa solo proteggersi dagli invasori stranieri, ma anche dagli stessi governi quando questi agiscono nel male”.

E continua: “Credo, e mi dispiace dirlo, ma molti di questi omicidi di massa e tutti questi attentati che stanno accadendo, siano stati progettati a tavolino.”

D’altronde, gli stessi americani etichettati come “complottisti“, da tempo sostengono che il governo americano con il supporto della CIA, utilizzino capri espiatori controllati da MK ULTRA, al fine di fomentare la violenza, in modo tale che, sia il popolo stesso a chiedere di essere disarmato.

Marzo 25th

Bruxelles: una 'false flag operation' con tanti banali errori di regia

Bruxelles, 22 marzo 2016.

La capitale belga è teatro di un’ennesima operazione falsa bandiera (false flag operation) con tre pseudo-terroristi che si fanno esplodere alla stazione ed all’aeroporto.

Non è il caso di usare toni dubitativi o interrogativi, perché è evidente che i “fatti” di Bruxelles ricalcano il solito copione che, tra le altre cose, era stato anticipato in alcune pellicole cinematografiche tra cui “Spectre”.

Come possiamo essere certi che gli “eventi” belgi sono la solita sceneggiata?

Grazie alle seguenti circostanze:

• Le reti televisive hanno mandato in onda, immediatamente dopo gli “avvenimenti”, un video riciclato riferito ad un attentato perpetrato in Russia nel 2011. E’ stato poi dichiarato trattarsi di un errore: ci pare un errore alquanto grossolano per opera di reti televisive iperorganizzate!

Marzo 24th

Danimarca: chiesto referendum per uscire dall'Ue

Rina Ronja KariL’Express dà voce al Movimento danese per il “no” all’UE, che sta chiedendo di indire un referendum sulla permanenza nell’Unione sullo stampo di quello britannico. Anche se non ancora maggioranza, la percentuale di popolazione danese che secondo i sondaggi è favorevole all’uscita, è cresciuta in modo importante.

Un dato al 33 percento rappresenta un importante cambiamento, che indica una crescente ostilità verso l’Unione Europea, se si fa il confronto con il 25 percento di coloro che volevano uscire nel 2013.

La richiesta di indipendenza dai burocrati europei viene dal Movimento Popolare Contro l’UE, che preme sul governo affinché si tenga un referendum nel paese.

La piattaforma del movimento, politicamente trasversale, sostiene che dopo 40 anni di appartenenza al blocco dei 28 paesi, è tempo di dare alla nuova generazione di danesi la possibilità di esprimere un voto.

Il movimento ha dunque lanciato una petizione per costringere il governo a discutere la questione.

Pagine