Archive - Nov 17, 2015

Attentati a Parigi: i 6 punti che meritano una attenta riflessione

Attentati a Parigi, dubbiDopo poche ore dall’attentato di Parigi rilevo questi particolari:

1) i terroristi mentre uccidevano le persone urlavano Allah akbar (e come potevamo dubitarne?)

La domanda è: ma questi testimoni a che distanza erano per poter udire le parole dei terroristi nonostante il caos e i rumori degli spari?

2) un testimone intervistato ha detto: “avevano dei kalashnikov, uccidevano la gente a uno a uno..:”.

Ok. Incredibile la freddezza del testimone che è riuscito a individuare il modello del fucile. E anche l’udito dei testimoni pare sempre più sopraffino perchè il kalashnikov è un mitragliatore quindi presumo che faccia abbastanza casino da coprire le parole. tra l’altro i testimoni hanno sentito che questi terroristi, mentre sparavano, gridavano “frasi sulla Siria”. Quindi abbiamo dei testimoni dall’udito non solo tanto fine da percepire le parole nonostante gli spari ma che addirittura capivano l’arabo.

3) I terroristi sarebbero morti. E te pareva!!! Ovviamente cosi non potranno essere interrogati.

Testimonianze: i presunti terroristi sembravano membri delle forze speciali

Obama - IsisA dare la notizia è il Corriere della Sera, che riporta i racconti di alcuni testimoni.

Ecco cosa dice il Corriere:

“«Erano bianchi, erano giovani sui 25 anni». E ancora: «Sembravano soldati delle forze speciali». A poco meno di dodici ore si hanno ancora informazioni scarne sull’identità degli attentatori di Parigi. Dalle informazioni confermate, per il momento dalla polizia, è noto che 8 di loro sono morti, 6 si sono fatti esplodere dopo aver innescato le cinture esplosive, 2 sono stati uccisi dagli agenti speciali intervenuti.

Non è escluso che anche altri siano fuggiti e che la polizia li stia cercando. In alcune testimonianze raccolte da Le Monde si parla di due auto nere, con alla guida 18-20enni, di cui una immatricolata in Belgio che sarebbe stata ritrovata. Ma si tratta di notizie che non hanno ancora trovato conferma. Così come non è confermata la notizia che sarebbe stato trovato un passaporto siriano sul corpo di uno dei kamikaze morti allo Stade de France. 'Europe 1' riferisce anche dell’identificazione di un secondo attentatore: si tratterebbe di un cittadino francese.”

Altre fonti parlano di un’auto con quattro uomini armati a bordo che pare si stia dirigendo verso Parigi, dopo aver forzato un posto di blocco.