Archive - Set 6, 2012

Scoperte le origini delle lingue indo-europee

I ricercatori si sono sempre domandati dove e quando abbiano avuto origine le lingue indo-europee. Un gruppo internazionale di liguisti, capeggiati da Remco Bouckaert dell’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, ha condotto uno studio specifico per cercare di scoprire indizi che facciano luce sulla questione.

Era da subito impossibile per i ricercatori pensare che le lingue indo-europee, come: la balto-slava, l'indo-iraniana, l'italica, la germanica e la celtica, avessero una comune origine. Risultò infatti molto difficoltoso assegnare un dato spazio e tempo alla nascita dell'antenato di questi idiomi.

Secondo gli studi precedenti l'origine delle lingue indo-europee sarebbero nate circa 6000 anni fa in Ucraina e il popolo nomade dei Kurgan le avrebbero diffuse. Un'altra minoranza di ricercatori sosteneva invece che la culla della nostra lingua fosse l'Anatolia, in Turchia.

Per verificare entrambe le ipotesi il nuovo team di ricerca si è avvalso di metodi statistici utilizzati nella biologia evoluzionistica. In tal modo essi hanno potuto ricostruire l'evoluzione di organismi viventi senza aver bisogno di analizzare differenze genetiche sui diversi DNA, bensì analizzando le parole di 130 differenti lingue indo-europee di matrice antica e contemporanea. Con lo scopo di individuare eventuali diversità e somiglianze i risultati ottenuti sono stati confrontati con il database 'Indo-European Lexical Cognacy Database' (IELex), che cataloga una miriade di linguaggi, anche scomparsi.

La Chiesa non pagherà l'Imu grazie a una dimenticanza del governo

Monti e RatzingerIncredibile errore del ministero dell'Economia. Dopo l'annuncio 'dell'equità', “anche il Vaticano pagherà l'Imposta municipale unica", si scopre che nessuno ha emanato la norma per rendere il tutto attuativo. Risultato: ai Comuni verranno a mancare oltre 600 milioni”

C'è chi parla di dimenticanza. Chi di temporeggiamento. Fatto sta che lo slogan 'anche la Chiesa pagherà l'Imu' rischia di rimanere tale.

Il decreto del ministero dell'Economia che avrebbe sancito l'obbligo di pagamento dell'Imu anche per gli immobili della Chiesa, atteso per la fine di maggio, non c'è. E senza quel decreto, lo slogan 'anche la Chiesa pagherà l'Imu' non potrà diventare norma.

E così non solo il governo Monti dovrà dire addio alla tanto decantata 'equità' dell'Imu, ma rischia di andare incontro a una dura procedura d'infrazione dell'Unione europea “per aiuti di Stato”.

Come riconoscere un falso Profeta

Falso profeta-qualunque profeta che ritenga che la vostra attenzione e adorazione si debbano equamente dividere tra Dio o l'Entità Superiore, o lo Spirito Guida (ecc) e lui;

-qualunque profeta che affermi di avere con Dio, l'Entità Superiore, o lo Spirito Guida (ecc) una relazione più intima della vostra o di essere più speciale ai suoi occhi di quanto lo siate voi;

-qualunque profeta che insista affinché voi abbracciate il suo pensiero e le sue opinioni piuttosto che ricercare e pensare con la vostra testa;

-qualunque profeta il cui potere dipenda dall'isolarvi dalle persone che vi hanno amato, sostenuto e che sono state sincere con voi;

-qualunque profeta vi chieda di mettere in pericolo o di sacrificare la vostra abilità o la vostra sicurezza finanziaria, specialmente sotto forma di "donazione" a lui o alla sua "chiesa", o comunque si chiami la sua organizzazione;

-qualunque profeta il cui scopo finale è attrarre seguaci che adorino più lui di Dio, l'Entità Superiore, lo Spirito Guida (ecc);