Archive - Apr 22, 2012

Il caso Tarantino e l'atropina, un farmaco che produce midriasi

AtropinaNell'anniversario dell'espianto di Pietro, ricordiamo che questa vicenda legale è stata trascinata per 14 anni fino all'incidente probatorio (2004), atto strumentale richiesto dai medici inquisiti per manovrare l'archiviazione e impedire il processo. Ai 4 consulenti di parte presenti in aula (Patologo e Chirurgo generale, Anestesista-rianimatrice, medico-legale e Presidente della Lega Contro la Predazione di Organi) fu impedito di parlare.

Invece i 2 consulenti tecnici del giudice parlarono a ruota libera senza spiegare perché l'ospedale riportò all'atto del ricovero una diagnosi inventata di “Frattura C2” che sostituiva la diagnosi corretta data da un precedente ospedale e, ancor più grave, perché glissarono sulla relazione tecnica che stigmatizzava la valutazione del coma compiuta sotto Atropina, farmaco vietato a livello internazionale nelle dichiarazioni di morte cerebrale, perché produce midriasi (dilatazione fissa pupillare).

Ecco uno stralcio dell'analisi dell'Ordinario di Fisiologia Umana dell'Università degli Studi Milano:

“...Dalle cartelle cliniche si evince che nelle ore seguenti all'incidente Tarantino, che era in stato comatoso, ricevette due successive iniezioni intramuscolari di atropina, ciascuna nella dose di 1 mg, la prima tra le ore 9.00 e le 9.30, durante il trasporto in elicottero dall'ospedale di Vaprio d'Adda agli Ospedali Riuniti di Bergamo, e la seconda subito dopo il ricovero nel reparto di Terapia Intensiva della Divisione Neurochirurgia, simultaneamente all'incannulazione della vena succlavia destra.

Secondo il sismologo Gheorghe Marmureanu la terra si sta spezzando

Gheorghe MarmureanuDi recente il sismologo rumeno Gheorghe Marmureanu dell'Istituto di fisica della Terra ha affermato che ultimamente la terra è stata scossa da ben 39 terremoti apparsi in tutto il globo.

Spiega il sismologo che la serie anomala dei terremoti è iniziata In Indonesia con due enormi terremoti pari 8.6 e 8.2 sulla scala Richter seguiti a breve distanza altri tre piu piccoli in Messico dopo poche ore.

"Non c'è dubbio che c'è qualcosa vada seriamente per il verso sbagliato, troppi terremoti ravvicinati e troppo intensi" ha detto Marmureanu. Ha poi aggiunto: "I terremoti sono un evento che non può essere facilmente predetto dalle conoscenze scientifiche attuali.

Con il terremoto indonesiano, ad esempio, statisticamente, ci dovrebbe essere un grande terremoto in quella parte dell'Asia ogni 500 anni, tuttavia, dal 2004, ci sono stati già tre terremoti con una magnitudo di oltre 8, che non è assolutamente normale".