Archive

Agosto 16th, 2019

Robot indossabile per camminare e correre più facilmente

Robot indossabile per camminare e correre più facilmente

Un exosuit versatile e portatile che aiuta sia a camminare che a correre evidenzia il potenziale di robot indossabili leggeri.

I ricercatori dei laboratori accademici e industriali hanno precedentemente sviluppato dispositivi robotici per la riabilitazione e altre applicazioni della vita che possono aiutare a camminare o correre, ma nessun dispositivo portatile non legato può fare entrambe le cose in modo efficiente. Assistere la deambulazione e la corsa con un singolo dispositivo rappresenta una sfida a causa della diversa biomeccanica fondamentalmente delle due andature. Tuttavia, entrambe le andature hanno in comune un'estensione dell'articolazione dell'anca, che inizia nel momento in cui il piede viene a contatto con il suolo e richiede una notevole energia per spingere il corpo in avanti.

Come riportato di recente da Science, (1) un team di ricercatori presso il Wyss Institute di Harvard per l'ingegneria biologicamente ispirata, la John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences (SEAS) e l'Università del Nebraska Omaha, ha sviluppato un dispositivo portatile che effettua il monitoraggio dell'andatura e dell'estensione specifica dell'anca durante la camminata e la corsa. Il loro leggero exosuit è costituito da componenti tessili indossati in vita e sulle cosce con un sistema di azionamento mobile attaccato alla parte bassa della schiena che è controllato da un algoritmo in grado di rilevare, con estrema precisione, il passaggio dalla semplice camminata alla corsa e viceversa.

Il team ha prima dimostrato che il dispositivo indossato dagli utenti nei test indoor basati su tapis roulant, in media, ha ridotto i loro tassi metabolici nella camminata del 9,3% e nella corsa del 4% rispetto a quando camminavano e correvano senza il dispositivo.

Agosto 15th

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Nelle Alpi e nell'Artico, gli esperti confermano la presenza di microplastica nella neve.

Negli ultimi anni, le particelle di microplastica sono state ripetutamente rilevate nell'acqua di mare, nell'acqua potabile e persino negli animali. Ma queste piccole particelle vengono anche trasportate dall'atmosfera e successivamente lavate via dall'aria, specialmente dalla neve - e persino in regioni remote come l'Artico e le Alpi. Lo ha dimostrato uno studio condotto da esperti dell'Istituto Alfred Wegener e un collega svizzero, recentemente pubblicato sulla rivista Science Advances. (1)

Il fatto che i nostri oceani siano pieni di rifiuti di plastica è ormai diventato una consapevolezza per tutti: anno dopo anno, diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica si fanno strada nei fiumi, nelle acque costiere e persino nel mare profondo dell'Artico. Grazie al movimento delle onde e ancora di più alla radiazione UV del sole, la lettiera viene gradualmente suddivisa in frammenti sempre più piccoli, chiamati microplastiche. Questa microplastica può essere trovata nei sedimenti marini, nell'acqua di mare e negli organismi marini che ingeriscono inavvertitamente. In confronto, ci sono state poche ricerche fino ad oggi per stabilire se, e in tal caso, in che misura le particelle di microplastica siano trasportate nell'atmosfera. Sono disponibili solo poche opere, ad esempio da ricercatori che sono stati in grado di confermare la presenza delle particelle nei Pirenei e nei pressi dei principali centri urbani in Francia e Cina.

Un team di esperti dell'Alfred Wegener Institute, Helmholtz Center for Polar and Marine Research (AWI) ha ora scoperto che le particelle di microplastica possono essere trasportate a grandi distanze dall'atmosfera e in seguito vengono spazzate via dall'aria dalle precipitazioni, in particolare dalla neve.

Agosto 14th

Termiti laboriose fondamentali per gli ecosistemi

Termiti laboriose fondamentali per gli ecosistemi

Nell'ambiente naturale, le termiti fanno parte di un intero sistema ecologico. Il loro ruolo è aiutare a trasformare gli alberi morti in preziosa materia organica.

Un recente studio, pubblicato su Soil Science Society of America Journal, (1) ha dimostrato che l'attività delle formiche termiti nei suoli delle zone umide può aiutare a migliorare la struttura del terreno e il contenuto di nutrienti.

La dottoressa Deborah S. Page-Dumroese (2) e i suoi colleghi hanno studiato vari tipi di sistemi di lettiera nella Carolina del Sud orientale. “I microrganismi e le termiti sono i principali agenti di decomposizione del legno nelle foreste degli Stati Uniti sudorientali”, afferma la ricercatrice.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i letti di piantagione rialzati su terreni scarsamente drenati migliorano notevolmente la sopravvivenza e la crescita delle piantine seminate. Il gruppo di ricerca della dottoressa Deborah S. Page-Dumroese ha dimostrato che anche la lettiera nelle zone umide potrebbe rappresentare una buona pratica di gestione.

La dottoressa Deborah S. Page-Dumroese, è una scienziata presso l'USDA Forest Service, Rocky Mountain Research Station, nell'Idaho. Ha lavorato con membri del team nel Michigan e nella Carolina del Sud. Ella sostiene: “Le zone umide fanno parte del servizio forestale. Ci sono molte zone umide boscose all'interno delle foreste nazionali, in particolare nel nord e nel sud-est, ma ce ne sono anche alcune nell'ovest montuoso.”

Pagine