L'inquinamento luminoso altera la salute e l'ecosistema

Inquinamento luminosoTutti abbiamo visto almeno una volta nella vita una falena attirata dalle luci fuori casa andare a sbattere senza alcun timore contro una lampadina. Questo istinto è lo stesso che le guida a volare in circolo quando sono presenti le luci naturali di stelle e luna e che le fa rimbalzare sulle fonti luminose.

L’inquinamento luminoso è un fenomeno che disturba i flussi migratori, i rituali di accoppiamento, la caccia e molti altri processi essenziali per la vita di piante, insetti e animali. Alcune fra le 450 specie di uccelli presenti nel Nord America utilizzano la luna e le stelle per orientarsi durante le proprie migrazioni notturne. Gli scienziati hanno documentato incidenti nei quali interi stormi di uccelli sono andati a sbattere contro degli edifici illuminati delle città. Ne sono morti decine di migliaia in una singola notte.

Gli effetti negativi dell’inquinamento luminoso vengono subiti da animali migratori volanti, di terra o acquatici. Per esempio, i pattern migratori del salmone sono correlati al sole. Secondo quanto riscontrato in una ricerca citata dall’International Dark-Sky Association, nel momento in cui il salmone viene esposto a luce artificiale, tali pattern divengono irregolari.

Alcuni alberi sono sensibili alla durata del giorno poiché questa determina i loro ritmi stagionali.

Piedi umani nel menu di un ristorante cinese di Padova?

Piedi umani nel menu di un ristorante cinese di Padova?Un ristorante cinese di Padova è stato accusato di vendere e servire piedi umani: le sconvolgenti rivelazioni in seguito alle foto postate sui social

Siamo spesso e volentieri abituati a girare in diversi ristoranti orientali che in questo periodo vanno molto di moda: in particolare la cucina giapponese e quella cinese stanno ottenendo molti adepti, pronti a riversarsi in massa nei momenti liberi, magari anche grazie alle vantaggiose formule All you can eat.

Insomma un vero e proprio amore sbocciato da alcuni anni a questa parte anche perché rinomate come cucine salutari; l’alimentazione di alcune delle popolazioni viene presa, spesso indiscriminatamente senza senso critico, come modello di cucina che favorisce una vita lunga e un benessere duraturo senza fare distinguo tra i diversi luoghi specifici in cui ci si reca. Ma proprio un ristorante cinese sul suolo italiano sembra essere stato accusato per una strana e macabra storia.

Una foto discussa

Un ristorante cinese di Padova è stato accusato di servire piedi umani ai propri clienti.

Legge Ue sul legno illegale: prime sanzioni

LegnoLe autorità olandesi hanno multato l’importatore di legname Fibois VB, dopo aver rilevato serie incongruenze nella documentazione relativa all’importazione di legname dal Camerun.

Di conseguenza, l’impresa ha violato la legge sul legno illegale (EUTR). L’autorità olandese competente ha comminato una multa di 1.800 Euro per metro cubo di legno immesso sul mercato, fino a quando l’impresa non sarà conforme. La Fibois si riforniva dalla CCT, una impresa camerunese che Greenpeace ha provato essere coinvolta nel taglio illegale.

Nel frattempo, un tribunale amministrativo svedese ha stabilito che un importatore di teak dal Myanmar ha violato la medesima legge In un recente rapporto, l'Environmental Investigation Agency (EIA) aveva rivelato come l’importatore svedese Almtra Nordic non fosse in grado di soddisfare requisiti di due diligence previsti dalla legge, a causa dell’alto livello di corruzione nel settore forestale del Myanmar. Infatti la Almtra Nordic era in grado di risalire al fornitore statale, la Myanmar Timber Enterprise, ma non era in grado di indicate esattamente dove fosse stato prodotto il legname e chi lo avesse prelevato.

L'EIA ha pubblicato un briefing dimostrando come le esportazioni di teak da Myanmar / Birmania verso l'Unione europea siano in violazione della legge europea sul legno illegale.

Impianti cerebrali optoelettronici in grado di controllare il nostro cervello

Impianti cerebrali optoelettronici in grado di controllare il nostro cervelloLa continua ricerca sul controllo mentale del cervello fa passi da gigante. Il nostro cervello spesso è bombardato e alterato per colpa dei media, i politici, le medicine che alterano la mente e le tossine ambientali. La scienza sta cercando una sorta di ricablaggio del cervello umano.

Di recente sono state introdotte nuove tecniche di controllo mentale che creano un’interfaccia cervello–computer, oppure son stati innestati sugli animali, impianti cerebrali optoelettronici, che dopo l’installazione nel cervello dei ratti, sono in grado di utilizzare le onde luminose per eseguire vari comandi. Esistono anche altri metodi per il controllo mentale; manipolazione magnetica attraverso una polvere neurale, laser ad alta potenza ed anche il caricamento diretto dei contenuti del nostro cervello. Un “ingresso” della nostra mente nel regno digitale.

Fino a questo punto, gran parte della ricerca è stata focalizzata sulle diverse forme di impianti fisici per indirizzare i centri di memoria del cervello. I ricercatori del MIT stanno svelando un sistema di controllo remoto, di nuova generazione, che utilizza la luce al di fuori del cranio. Questa luce sarebbe in grado di influenzare la proteina responsabile per l’attività dei neuroni nel cervello.

Il comunicato stampa è stato pubblicato ed il programma è stato intitolato “Non-Invasive Brain Control”, mentre il meccanismo di controllo è stato etichettato con il nome di “Jaws”, ovvero squalo. Il Mit ha diffuso anche un video nel quale ha paragonato il macrocosmo della funzione del cervello a una città; una metropoli moderna sotto sorveglianza tecnocratica.

Pagine